Svizzera, 26 novembre 2018

Picchia il suo cane fino a ucciderlo, subisce la condanna più pesante mai inflitta in Svizzera per crudeltà verso gli animali

Nella sua relazione annuale, la Fondazione per gli animali (Stiftung für das Tier im Recht, TIR) sostiene che gli atti di maltrattamento nei confronti degli animali non sono sufficientemente sanzionati in Svizzera. Ma nota, tuttavia, che a sua conoscenza e secondo i database disponibili sulle denunce penali, la pena più severa mai imposta per atti di crudeltà verso gli animali è stata commiata lo scorso anno a Yverdon, nell'aprile 2017: 120 giorni di carcere.

Cosa era successo? Secondo un riassunto disponibile sul sito web della Fondazione, un cucciolo aveva attraversato un crudele calvario semplicemente perché aveva mangiato sul divano del suo proprietario. L'uomo allora lo scosse, lo colpì selvaggiamente e lo lasciò soffrire per quattro ore prima di portarlo da un veterinario.

Lo sfortunato animale era un boxer di 3 mesi di nome Raicho. E il suo torturatore un uomo di 26 anni. Quando alla fine portò il suo animale dal veterinario, quest'ultimo non ebbe altra scelta che di sopprimerlo.

L'autopsia, si può leggere sul sito del TIR, mostrerà che la violenza dei colpi ha provocato uno pneumotorace, lesioni multiple al fegato, una rottura della milza e sanguinamento nell'addome... E che questo cucciolo aveva già subito violenze in passato!

Atti di terribile crudeltà che meritavano una punizione esemplare? In realtà, l'uomo è stato condannato a una pena detentiva principalmente a causa dei suoi molteplici precedenti - che non erano legati alla legge federale sul benessere degli animali. Al momento del suo processo, riferisce "20 minutes", era già stato condannato cinque volte, anche per complicità in un omicidio e aggressione.

Guarda anche 

Manifestazione a Bruxelles contro il Patto per la migrazione degenera in scontri

Una manifestazione tenutasi oggi contro il controverso Patto delle Nazioni Unite per la migrazione a Bruxelles è degenerato in scontri tra manifestanti e le forze ...
16.12.2018
Mondo

“Il lavoro serio porta sempre risultati”: parola di Antonio Caggiano

PARADISO – Primo in classifica in Seconda Lega Interregionale col suo Paradiso, Antonio Caggiano ha di che essere contento e fiero. Ma si sa, i futuri giocatori bis...
16.12.2018
Sport

VIDEO – Ecco la super nonna: il brivido del paracadute a 102 anni

CANBERRA (Australia) – Avere 102 anni e, evidentemente, non sentirli. Perché a 102 anni, in effetti, lanciarsi col paracadute da un aereo non è esatta...
16.12.2018
Magazine

Marc Gisin senza airbag, Lara con: il salvavita che divide il circo bianco

VAL GARDENA (Italia) – Lo sci, si sa, è uno sport pericoloso nel quale, specie in discesa, si rischia davvero di farsi del male. Ne sa qualcosa, purtroppo, M...
16.12.2018
Sport