Mondo, 23 novembre 2018

Per Hillary Clinton l'Europa deve fermare l'immigrazione "per spegnere la fiamma del sostegno ai populisti"

Da paladina della sinistra immigrazionista a oppositrice dell'immigrazione. È la curiosa e improbabile parabola di Hillary Clinton, candidata alle presidenziali americane del 2016. In un'intervista rilasciata alla testata britannica Guardian, dove Clinton veniva intervistata in veste di "figura politica di centro" sulla crescita dei movimenti populisti di destra in Europa e negli USA, Clinton sostiene che l'immigrazione sia la "ciò che ha aceso la fiamma" del sostegno a esponenti e movimenti anti-immigrazione.

Non è certo un cambiamento di opinione, per Clinton i politici che hanno aperto le porte dei loro paesi all'immigrazione hanno avuto "approcci generosi e compassionevoli" che lei dice di ammirare, ma solamente una mossa tattica per frenare la crescita dell'opposizione di destra. "L'Europa deve inviare un messaggio molto chiaro" afferma la ex-first lady "che non sarà in grado di continuare a fornire accoglienza" ai richiedenti l'asilo di mezzo mondo, perchè altrimenti continuerebbe a scuotere "la stabilità politica".

Dichiarazioni che a destra sono state accolte perlopiù con qualche risata del genere "dai al tuo avversario quel che vuole così nessuno avrà motivo di votarlo" ma non sono andate giù ai suoi sostenitori e chi in genere vedeva nella Clinton una paladina dell'immigrazione e del multiculturalismo. "Quella di Clinton è una capitolazione, non puoi fermare i razzisti facendo il razzista" commenta un utente su Twitter. "Clinton crede che per sconfiggere i populisti bisogna fare i populisti e prendere sul serio la loro xenofobia" è il commento di un altro utente, tutti dello stesso tenore e poco comprensivi delle dichiarazioni dell'ex segretario di stato di Barack Obama. Se Clinton intende veramente ripresentarsi nuovamente alle presidenziali del 2020 come dicono certe voci, è probabile che dovrà far dimenticare questa intervista ai suoi potenziali elettori.

Guarda anche 

Dai fruttini di Buffon, al flauto di Leonardo: quando l’eliminazione dà alla testa

ATENE (Grecia) – Lo scorso aprile era stato Gianluigi Buffon, con le sue dichiarazioni relative all’operato dell’arbitro Oliver in occasione di Real Mad...
14.12.2018
Sport

Patto ONU, arriva l'avvertimento di Trump

Con il Global Compact on Migration, detto anche Patto per la migrazione, le Nazioni Unite vogliono "far progredire la governance globale a spese del diritto sovrano ...
11.12.2018
Mondo

L'altra faccia dell'immigrazione: in Serbia non sanno come fermare lo spopolamento

L'immigrazione non è un fenomeno che causa danni e squilibri solo nei paesi che la subiscono. Anche nei paesi da cui partono gli immigrati spesso e volentieri ...
10.12.2018
Mondo

Il marito è in Israele a fare l'oppositore al suo paese d'origine, quindi lei può restare in Svizzera

Il marito è in Israele e sta facendo propaganda contro il governo eritreo. Quindi lei e la figlia hanno diritto di restare in Ticino. Non è una storia d&rsq...
08.12.2018
Svizzera