Mondo, 17 novembre 2018

Marine Le Pen accusa l'Unione europea di ripudiare i valori cristiani su cui è fondata l'Europa

L'Unione europea (UE) "cerca di imporre con la forza", un progetto che porta a "ripiudare" i valori fondanti dell'Europa, tra cui "i valori cristiani che sono parte integrante dell'identità europea", ha detto il 16 novembre a Sofia Marine Le Pen, presidente del Rassemblement national (RN).

In occasione di un viaggio in Bulgaria, Le Pen si è scagliata contro la "triste" Unione europea, "dei mercanti, sentenziosa e autorevole, la cui unica forza sono i suoi miliardi."

"Miliardi che l'UE offre in cambio della rinuncia dei popoli europei di essere sè stessi [...] in cambio della rinuncia dei valori alla base della nostra civiltà, i valori cristiani che sono una parte integrante della nostra identità europea", ha aggiunto.

Si è incontrata a Sofia con esponenti di altre formazioni europee cosiddette sovraniste. Erano rappresentati il ​​partito bulgaro Volya, l'SPD ceco, la lega italiana, il Vlaams Belang belga e il partito Nuova destra greco.




Appuntamento alle elezioni europee di maggio 2019 per il "grande cambiamento politico"

Questi partiti politici stanno lavorando per formare un'alleanza per le elezioni europee del maggio 2019, che Marine Le Pen auspica essere "un grande cambiamento politico". "Stiamo vivendo un momento storico, la fine di un mondo, la fine di un ciclo", ha aggiunto. "Il periodo di globalizzazione selvaggia, che corrispondeva al sogno oligarchico di un governo globale da parte della casta mondiale, si sta per concludere", ha detto. Ha ribadito la sua preferenza per "un'alleanza europea delle nazioni" senza un "big-bang istituzionale" in cui ogni paese europeo potrebbe "partecipare a questa alleanza europea delle nazioni dove ogni nazione potrà mantenere la sua sovranità, libertà e controllo dei suoi confini".

Le Pen ha anche sostenuto che "se l'Unione europea non fosse quella che è, probabilmente la Gran Bretagna ne farebbe ancora parte". "L'UE vuole punire la Gran Bretagna? Ovviamente", ha continuato la candidata delle elezioni presidenziali francesi del 2012 e del 2017. "L'idea era di fare il maggior danno possibile alla Gran Bretagna in modo che nessun'altra nazione avrebbe voluto ribellarsi all'Unione Europea ", ha aggiunto, riferendosi alle " condizioni non ammissibili imposte" a Londra.

Guarda anche 

Il bizzarro comportamento di Juncker a una riunione del Consiglio europeo (VIDEO)

È stato decisamente bizzarro il comportamento del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker al suo arrivo a una riunione del Consiglio europeo tenut...
16.12.2018
Mondo

Effetto "gilet gialli"? Marine Le Pen vola nelle intenzioni di voto in Francia (mentre Macron sprofonda)

Uno dei tanti temi di discussione in Francia in queste settimane era quello su quale fosse il partito e il leader politico ad approffitare maggiormente della crisi a cui ...
15.12.2018
Mondo

Fair Play Finanziario: dalla UEFA stangatina al Milan

NYON – Era attesa per oggi, come una mannaia, la decisione della UEFA in merito al non rispetto del Fair Play Finanziario del Milan: dopo il dolorosissimo KO rimedi...
14.12.2018
Sport

Dai fruttini di Buffon, al flauto di Leonardo: quando l’eliminazione dà alla testa

ATENE (Grecia) – Lo scorso aprile era stato Gianluigi Buffon, con le sue dichiarazioni relative all’operato dell’arbitro Oliver in occasione di Real Mad...
14.12.2018
Sport