Mondo, 16 novembre 2018

Spagna, fugge da un gruppo di migranti e chiama il suo ragazzo, molestata lei e accoltellato lui. 15 arresti

L'episodio è avvenuto verso le sei di domenica scorsa a Santa Coloma de Gramenet, in Catalonia. Come riporta il sito di "El Pais", un gruppo di giovani migranti addocchia una ragazza che viaggiava nella metropolitana. La ragazza scende alla sua fermata, i giovani migranti scendono dopo di lei e la inseguono. Quando la raggiungono, le palpano le parti intime e cercano di baciarla.

Già quando si trovava nella metropolitana la giovane aveva avvisato per telefono il suo ragazzo, il quale la raggiunge alla stazione della metropolitana. Al suo arrivo il ragazzo viene accoltellato. Le guardie presenti nella metropolitana notano la scena e allertano i soccorsi. Il giovane spagnolo viene trasportato d'urgenza al ospedale dove viene operato. La sua vita non dovrebbe essere in pericolo.

Gli assalitori, sette in totale, vengono arrestati e poco dopo altri otto migranti vengono fermati perchè vivevano nello stesso edificio abbandonato dei sette assalitori. I sette assalitori rimarrano nella custodia della polizia mentre gli altri otto vengono rilasciati lunedì mattina (nonostante siano clandestini). Del gruppo non viene fornito alcun dato, se non che sono di etnia magrebina, che due di loro sono minorenni e che nessuno del gruppo ha un qualsiasi permesso di soggiorno.

L'evento ha scatenato un'aspra polemica in Catalonia questa settimana. Il sindaco socialista di Santa Coloma, Nuria Parlon, ha rilasciato una dichiarazione in cui denuncia "la presenza di questi giovani e minori non accompagnati che circolano nella regione catalana, commettendo vari reati e generando un'allarmante insicurezza nelle città catalane".

Il governo locale ha quindi chiesto alla Generalitat, il governo catalano, di trattare la questione "globalmente e come problema nazionale" e ha chiesto "misure urgenti" per far fronte al problema, fra cui quello di aumentare il personale dei Mossos, la polizia catalana.

Da parte sua la Generalitat ha cercato di minimizzare la sua responsabilità e quelle dei migranti minorenni affermando che dei 2'850 migranti minorenni sotto la responsabilità del governo catalano "nemmeno il 3% ha avuto a che fare con la giustizia". Il problema sarebbe che questi migranti non erano sotto la protezione delle autorità, con l'eccezione di uno di cui si erano perse le tracce tre anni fa. La colpa sarebbe quindi di Santa Coloma per non aver riportato in tempo alle autorità regionali la presenza e la situazione di illegalità di questi migranti.

Un breve resoconto video dell'accaduto, in spagnolo, è disponibile su YouTube qui.

Guarda anche 

Prodigi del multiculturalismo svedese, la TV di stato trasmette uno spot in cui avverte dei danni causati dalle granate

Lunedì, la televisione pubblica svedese SVT ha informato in uno spot i suoi telespettatori del danno che le bombe a mano possono causare. Lo spot è stato...
13.12.2018
Mondo

"Strasburgo ci ricorda che siamo in guerra con l'islamismo", la reazione dei politici francesi all'attentato di martedì

Dopo l'ultimo attentato sul suolo francese con apparenti collegamenti con il terrorismo islamico, per i politici francesi è il momento di chinarsi nuovamente s...
13.12.2018
Mondo

“Rimpatriate pure mia moglie e le mie figlie"

Madre e due figlie, erano arrivate in Svizzera nell’ambito di un ricongiungimento familiare con il marito e padre, un cittadino dello Sri Lanka cui nel 2014 era sta...
12.12.2018
Svizzera

Torna l'incubo del terrorismo islamico, morti e feriti a Strasburgo

Almeno 4 persone sono rimaste uccise e 11 ferite in un attentato con arma da fuoco a Strasburgo, nell'est della Francia, martedì sera al mercatino di Natale de...
12.12.2018
Mondo