Mondo, 15 novembre 2018

Effetto #MeToo, gli uomini non praticano più la rianimazione alle donne per paura di essere accusati di molestie

Le donne che cadono vittime di un attacco cardiaco rischiano di essere lasciate senza assistenza, in quanto sempre più uomini esiterebbero a praticare la rianimazione cardiopolmonare (RCP) per paura di essere accusati di molestie sessuali.

È la conclusione a cui sono giunti dei ricercatori dell'Università del Colorado, negli USA, dopo aver studiato gli atteggiamenti degli uomini verso questa pratica sulla scia del movimento #MeToo.

Gli intervistati hanno detto (tra le altre cose) che temevano di essere accusati di contatto inappropriato o di violenza sessuale, hanno scoperto i ricercatori e gli uomini avevano il doppio delle probabilità di citare questa paura come motivo per non praticare la RCP.

"Una delle conseguenze di questa tematica (riferendosi a #MeToo) è che le donne non potrebbero non ricevere alcun RCP o ricevere un RCP in ritardo” ha commentato Sarah Perman l'autrice principale dello studio, le cui conclusioni sono state riportate da “Yahoo News”.

“Fintantoche fra il pubblico permane questa paura è importante è una pratica che può salvare vite e dovrebbe essere praticata a qualsiasi persona senza considerazione per l'età, il sesso o l'etnia della vittima” avverte Perman.

Nello studio viene anche ricordato il fatto che praticare un massaggio cardiovascolare nel momento esatto in cui la persona soffre di attacco cardiaco triplica le possibilità che la vittima sopravviva.

Guarda anche 

Zurigo, festa privata degenera in scontri con le forze dell'ordine

Diverse pattuglie della polizia municipale di Zurigo hanno dovuto intervenire sabato intorno alle 22h a causa di un gran numero di persone presenti in una strada in cui s...
12.11.2018
Svizzera

Bambini di sei anni a lezione di omosessualità

"Voi siete il principe Harry e dovete scrivere a Thomas perchè pensate che il vostro matrimonio è un' idea brillante" è uno dei compiti...
29.09.2018
Mondo