Mondo, 13 novembre 2018

Giornalista saudita torturato e ucciso dopo che Twitter ha rivelato la sua identità

Un altro giornalista saudita è stato riportato torturato e ucciso per mano delle autorità saudite la scorsa settimana, e questa volta i sauditi potrebbero aver ricevuto l'assistenza di Twitter per scoprire l'identità dietro cui si celava un account controverso che ha portato alla detenzione del giornalista.

Il portale arabo New Khaleej è stato il primo a riferire che il giornalista e scrittore saudita Turki Bin Abdul Aziz Al-Jasser è morto dopo essere stato torturato durante la detenzione avvenuta dopo il suo arresto lo scorso marzo. Secondo il rapporto, l'arresto di Al-Jasser è avvenuto dopo che le autorità saudite hanno scoperto che era lui a amministrare l'account Twitter Kashkool - che era noto per aver evidenziato violazioni dei diritti umani e crimini commessi dalla famiglia reale e funzionari governativi sauditi. L'account Twitter è ancora online dopo che ha smesso di pubblicare all'inizio di marzo.

New Khalieej è stato la prima testata a rivelare che le autorità hanno identificato l'identità online di Al-Jasser usando informatori nell'ufficio regionale di Twitter situato a Dubai.

A conferma di quanto riportato da New Khalieej il giornale gratuito del Regno Unito " Metro" la scorsa settimana ha pubblicato un articolo in cui si citavano fonti interne a Twitter che confermano la fuga di informazioni dagli uffici di Twitter che hanno portato all'arresto del giornalista dissidente.

Di seguito alcuni estratti dell'articolo pubblicato da Metro :

"Hanno ottenuto le sue informazioni dall'ufficio Twitter di Dubai, e così è stato arrestato", ha detto a Metro.co.uk una fonte che desidera rimanere anonima.

"Twitter è diventato insicuro per dissidenti o critici, tutti parlano sotto minaccia e pressione".

"Gli account dei dissidenti sauditi sono spiati, Twitter non è più sicuro per nascondere la propria identità".

La fonte ha anche detto che le autorità saudite hanno piazzato talpe all'interno dell'ufficio del gigante dei social media americano a Dubai, rendendo insicure tutte le attività dei dissidenti su Twitter in un crescente giro di vite di Riyadh.

Twitter da parte sua ha cercato di prendere le distanze da queste nuove accuse quando il destino di al-Jasser è diventato di pubblico dominio la scorsa settimana. Un portavoce di Twitter ha rilasciato la seguente dichiarazione a Metro:

"Non facciamo commenti su singoli casi per motivi di privacy e sicurezza, Twitter ha una documentazione ben documentata di protezione delle informazioni e dei dati degli utenti. Richiediamo alle forze dell'ordine di rispettare un'alta soglia legale e di sottoporsi a rigidi processi quando si fanno richieste di informazioni a Twitter. Come azienda, saremo sempre dalla parte di proteggere le voci di coloro che usano il nostro servizio."

Queste nuove rivelazioni sull'apparato repressivo del governo saudita cadono proprio in un periodo in cui Riyadh è nel mirino delle critiche per la brutale uccisione di un altro giornalista, Jamal Khashoggi. Ma se il caso Khashoggi ha interessato e sta interessando media mainstream e governi di tutto il mondo, diverso sembra il caso di Al-Jasser, la cui vicenda finora non sembra raccogliere lo stesso interesse nonostante la similitudine con l'affare Kashoggi.

Guarda anche 

Liceali arrestati messi in ginocchio in Francia, bufera sulla polizia (VIDEO)

Un totale di 146 giovani sono stati arrestati giovedì davanti al liceo Saint-Exupéry di Mantes-la-Jolie, in Francia poco lontano da Parigi. Le immagini most...
07.12.2018
Mondo

Protesta contro l’omicidio Khashoggi: Federer rinuncia a 1'000'000 di dollari e non va in Arabia Saudita

PARIGI (Francia) – Roger Federer ha detto “no”, Roger Federer si è rifiutato di partecipare a un torneo di esibizione che si terrà il 22 d...
01.11.2018
Sport

Yemen, la guerra dimenticata

Con il bilancio delle vittime che ha ormai raggiunto le decine di migliaia, milioni di sfollati e un paese sull'orlo della carestia, si potrebbe pensare che la guerra...
24.08.2018
Mondo

“Chi salvereste da questo Mondiale?”. “Ti devi salvare se non ci vai. Le tue tartarughe non le cagava nessuno sennò”. Scintille tra Maxi B e Behrami

LUGANO – Sono state ore intense, sono state ore calde quelle vissute su Twitter da Maxi B e da Valon Behrami. Il calciatore della Nazionale non ha digerito un tweet...
04.07.2018
Sport