Sport, 12 novembre 2018

Aggredito, picchiato fino a rischiare la vita: arbitro 24enne salvato da un ex capo ultrà

L’increscioso episodio è avvenuto a Roma, ma richiama l’attenzione sulla violenza nel calcio regionale spesso presente anche alle nostre latitudini

ROMA (Italia) – Settimana scorsa le scene di ordinaria follia sui campi del calcio regionale si sono verificate a Bellinzona, dove un giocatore del Codeborgo è stato preso a calci e pugni dagli avversari del Makedonija (Quinta Lega), questa volta la notizia arriva da Roma e ha come protagonista, suo malgrado, un arbitro di 24 anni, Riccardo Bernardini, che ieri ha vissuto attimi di terrore durante un match del campionato di Promozione.

Il finimondo si è concretizzato al termine della partita Virtus Olympia-Atletico Terranova, un match che è diventato elettrico nei minuti finali quando sono fioccati due cartellini rossi per i padroni di casa e una rete negli istanti di recupero. È in quel momento che è scattata la follia: stando a quanto riportato dal “Corriere dello Sport”, due uomini di 25 e 35 anni, dopo aver scavalcato il recinto che separa gli spogliatoi dal resto della struttura, hanno prima colpito con uno schiaffo l’arbitro, per poi scaraventarlo a terra, facendogli sbattere la nuca sul cemento. Le conseguenze sono state immediate: il 24enne ha iniziato a perdere sangue e conoscenza, rischiando di soffocare con la propria lingua.

A salvarlo ci ha pensato il massaggiatore del Torrenova, Yuri Alviti – ex capo ultrà della Lazio –, che era stato allontanato dallo stesso arbitro durante la partita e che è giunto subito in soccorso coadiuvato dalla fidanzato del povero direttore di gara, che è un’infermiera. Ospedalizzato e sottoposto a controlli, Riccardo Bernardini ha potuto tirare un sospiro di sollievo.

La madre ha voluto raccontare qualche dettaglio in più dell’aggressione: “Hanno tirato sassi, sono entrati, erano più di due, forse quattro, ma lì a difendere mio figlio non c’era nessuno. Questo è un problema che va risolto: così è una vergogna!”.

Guarda anche 

Celestini: “I nostri sforzi non vengono premiati! Le ammonizioni? Non mi sento tutelato dagli arbitri”

LUGANO – Ancora un nulla di fatto, ancora un pareggio, ancora un 2-2 casalingo che ha mascherato una buona prestazione: il Lugano in questo momento, pur giocando be...
09.12.2018
Sport

Il Lugano gioca e spreca: col Sion è ancora 2-2

LUGANO – Con la vittoria che manca all’appello da un mese e mezzo, e con la necessità di ritrovare la via del successo per non trascorrere un Avvento v...
09.12.2018
Sport

Arsenal nella bufera: ecco il festino a base di hippy crack

LONDRA (Gbr) – Non perde da 20 partite ufficiali in stagione, ma in casa Arsenal il sorriso è evaporato in un attimo. E il verbo evaporare non viene usato a ...
08.12.2018
Sport

Urge una reazione: Lugano, tocca a te!

LUGANO – Il gioco c’è, i risultati (e la fortuna) latitano: dalle parti di Cornaredo si inizia un po’ a tremare dando uno sguardo alla classifica...
09.12.2018
Sport