Svizzera, 05 novembre 2018

Ada Marra vuole contestare il divieto di accattonaggio alla Corte europea dei diritti dell'uomo

Circa 250 persone hanno manifestato giovedì sera a Losanna contro il divieto di accattonaggio ora applicato all'intero cantone di Vaud. In futuro, coloro colti a elemosinare rischiano una multa da 50 a 100 franchi.

Il primo giorno dell'entrata in vigore di questa nuova legge, riferisce il portale romando Le Matin, i manifestanti si sono radunati in una piazza del centro gridando slogan quali "elemosinare non è un crimine". Sui cartelloni tenuti da Rom e attivisti di diverse associazioni e partiti di sinista, si poteva leggere "Insieme contro la precarietà".

Fra i presenti c'era anche la consigliera nazionale socialista Ada Marra (nella foto), la quale sostiene che con la nuova legge la protezione dei più deboli non è più garantita. "I più vulnerabili tra noi sono criminalizzati" ha deplorato l'esponente socialista, che ora intende portare il divieto davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo (CEDU).

Nel respingere il ricorso lo scorso ottobre, il Tribunale federale ha aperto la strada per l'attuazione dell'iniziativa UDC al divieto generale di elemosina accettato dal Gran Consiglio vodese nel 2016. Associazioni e partiti di sinistra avevano tentato la via del referendum ma non erano riusciti a raccogliere abbastanza firme e si erano quindi appellati al Tribunale federale.

Oltre a multe dai 50 a 100 franchi, la legge consente di punire chi sfrutta l'accattonaggio facendo parte di un'organizzazione o impiegando minorenni per elemosinare per contro proprio. In questi ultimi due casi le multe partono da un minimo di 500 franchi fino a un massimo di 2000. 

Guarda anche 

La Francia pagherà i 300 milioni dei frontalieri entro la fine dell'anno (e qualcuno vuole sanzionare il ritardo)

In Romandia, diversi cantoni e comuni stanno ancora aspettando la retrocessione delle imposte dei lavoratori frontalieri dalla Francia. Come già avevamo scritto (v...
15.12.2018
Svizzera

Si licenzia dopo che il datore gli abbassa di un terzo lo stipendio, la disoccupazione lo punisce

Impiegato come rappresentante, Michel (nome di fantasia), 58enne vallesano, viene improvvisamente licenziato per l'azienda per cui lavora. Lo stesso giorno però...
13.12.2018
Svizzera

I rifugiati che tornano al loro paese perderanno il diritto all'asilo, ma con delle eccezioni (che hanno fatto infuriare l'UDC)

I rifugiati che fanno ritorno nel loro paese dovrebbero perdere il diritto di asilo in Svizzera. Il parlamento ha sì deciso di stringere la vite, ma alla fine il C...
13.12.2018
Svizzera

“Rimpatriate pure mia moglie e le mie figlie"

Madre e due figlie, erano arrivate in Svizzera nell’ambito di un ricongiungimento familiare con il marito e padre, un cittadino dello Sri Lanka cui nel 2014 era sta...
12.12.2018
Svizzera