Mondo, 05 novembre 2018

Anche l'Islanda respinge l'UE: "Nessuna ragione per aderire"

Katrin Jakobsdottir, primo ministro islandese dal novembre 2009 e leader del Movimento Verde e Sinistra del suo paese, non è stata tenera con l'Unione Europea (UE) in un'intervista pubblicata il 29 ottobre dal quotidiano online Eurobserver . "Non penso che dovremmo entrare nell'UE ora. Penso che non ci sia alcun motivo per candidarsi", afferma Jakobsdottir. Dice di essere "critica" delle politiche economiche dell'UE, stupita dal fatto che la zona euro sia stata creata "senza una vera politica fiscale e fiscale centralizzata".

Katrin Jakobsdottir lancia anche un'aspra critica contro le istituzioni dell'UE, considerando la Banca centrale europea come "molto potente senza essere molto democratica". Rileva che "le politiche economiche dell'UE sono molto lontane dai cittadini della zona euro e hanno creato divisioni che non dovrebbero esistere". Sebbene l'Islanda abbia chiesto l'adesione all'Unione europea nel 2009, le varie elezioni nazionali hanno messo in discussione il processo, in particolare con l'arrivo dei conservatori al potere nel 2013. Reykjavík ha ufficialmente abbandonato il processo. nel marzo 2015. Tuttavia, l'Islanda è rimasta membro dell'Associazione europea di libero scambio (EFTA) e dello Spazio economico europeo (SEE).

Il capo del governo islandese confessa inoltre che il libero scambio con l'UE è stato indubbiamente vantaggioso per l'Islanda: "La posizione dell'Islanda nel SEE è stata vantaggiosa per noi". "Quando guardiamo alla nostra economia, alla nostra struttura sociale e al nostro processo decisionale, penso che abbiamo fatto bene senza essere membri dell'UE", aggiunge.

Critiche anche alla NATO

L'Islanda rimarrà nella NATO nonostante l'opposizione del Primo Ministro. Attualmente, Katrin Jakobsdottir forma una coalizione con diverse formazioni di destra. Queste ultime non intendono mettere in discussione l'adesione dell'Islanda alla NATO, risalente al 1949. Tuttavia, Katrin Jakobsdottir e il suo partito non sono sulla stessa linea politica riguardo all'Alleanza Atlantica: "La posizione del mio partito è che siamo contro l'adesione dell'Islanda alla NATO. Tuttavia, siamo l'unica parte nel Parlamento islandese a mantenere questa posizione ". "Riconosciamo che esiste una forte maggioranza in Islanda per l'adesione alla NATO, ma non sosteniamo l'idea di una presenza militare permanente qui in Islanda", afferma Jakobsdottir, dicendosi contraria a qualsiasi "militarizzazione del Nord Atlantico".

Guarda anche 

Il bizzarro comportamento di Juncker a una riunione del Consiglio europeo (VIDEO)

È stato decisamente bizzarro il comportamento del presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker al suo arrivo a una riunione del Consiglio europeo tenut...
16.12.2018
Mondo

Effetto "gilet gialli"? Marine Le Pen vola nelle intenzioni di voto in Francia (mentre Macron sprofonda)

Uno dei tanti temi di discussione in Francia in queste settimane era quello su quale fosse il partito e il leader politico ad approffitare maggiormente della crisi a cui ...
15.12.2018
Mondo

Fair Play Finanziario: dalla UEFA stangatina al Milan

NYON – Era attesa per oggi, come una mannaia, la decisione della UEFA in merito al non rispetto del Fair Play Finanziario del Milan: dopo il dolorosissimo KO rimedi...
14.12.2018
Sport

Dai fruttini di Buffon, al flauto di Leonardo: quando l’eliminazione dà alla testa

ATENE (Grecia) – Lo scorso aprile era stato Gianluigi Buffon, con le sue dichiarazioni relative all’operato dell’arbitro Oliver in occasione di Real Mad...
14.12.2018
Sport