Svizzera, 01 novembre 2018

Aveva torturato e ucciso un'anziana, libero con 8 anni di anticipo

La vicenda aveva scosso l'intera Svizzera. Una notte di maggio del 2006, tre giovani erano entrati nel domicilio di una signora 62enne a Clarens, nel canton Vaud. Il trio era composto da un minorenne serbo, nel frattempo espulso, una ragazza appena maggiorenne e di un 22enne. Dopo aver torturato la donna, i tre aggressori la pugnalano ripetutamente fino a ucciderla. Tre giorni dopo, i giovani assassini tornano a casa della donna per dare fuoco all'abitazione.

Per questo brutale crimine i due maggiorenni erano stati condannati a 20 anni di reclusione ma uno di loro, l'uomo oggi 32enne, ne sconterà solo 12. Come riporta il "20 minutes" infatti, l'ultima delle sue numerose richieste di libertà anticipata è stata accolta dai giudici del canton Vaud e questo nonostante l'opposizione sia del Ministero pubblico che del collegio dei giudici responsabile per l'applicazione delle pene. Ancora più incomprensibile, l'uomo si è sottoposto a diverse perizie psichiatriche che hanno rilevato che l'uomo soffre di disturbi comportamentali e che presenta un alto rischio di recidiva.

"È passato molto tempo, il condannato ha preso coscienza dei suoi atti e del suo potenziale violento, si è impegnato a inserirsi professionalmente e ha il sostegno della sua famiglia" è la spiegazione che hanno dato i giudici per motivare la loro decisione. L'uomo dovrà tuttavia astenersi dal commettere qualsiasi crimine per i prossimi 5 anni, sarà seguito da uno psicologo e non potrà consumare alcol e stupefacenti.  

Guarda anche 

Cambio dipartimenti in Consiglio federale, “Sommaruga ai trasporti un disastro”

Com'era preannunciato vi saranno diversi cambiamenti dei Dipartimenti in Consiglio federale. L'UDC Guy Parmelin lascia la difesa, della protezione della popolazio...
10.12.2018
Svizzera

Accordo quadro: come al solito, chinati a 90 gradi!

Altro che “negoziazione”, è una capitolazione su tutta la linea. Ma il governicchio federale non ha il coraggio né di respingere l’immonda...
10.12.2018
Svizzera

Migranti in piazza a Berna per protestare contro le espulsioni e la "cattiva" condizione di vita in Svizzera

Diverse centinaia di migranti e persone che li sostengono hanno manifestato sabato a Berna contro i rinvii dal territorio svizzero. I rifugiati dovrebbero poter scegliere...
09.12.2018
Svizzera

Il marito è in Israele a fare l'oppositore al suo paese d'origine, quindi lei può restare in Svizzera

Il marito è in Israele e sta facendo propaganda contro il governo eritreo. Quindi lei e la figlia hanno diritto di restare in Ticino. Non è una storia d&rsq...
08.12.2018
Svizzera