Svizzera, 31 ottobre 2018

Il Consiglio federale vuole firmare il Patto ONU per la migrazione senza chiedere l'avviso del popolo (mentre l'Austria si chiama fuori)

Il Consiglio federale vuole firmare il patto delle Nazioni Unite sulla migrazione a dicembre ma, come riporta il Blick, diversi in parlamento ritengono che la questione debba essere maggiormente approfondita prima che la Svizzera si dica a favore.

Sul fronte internazionale intanto, dopo gli Stati Uniti e l'Ungheria anche l'Austria, ha annunciato oggi il suo ritiro dal patto delle Nazioni Unite sulla migrazione e l'opposizione all'accordo internazionale sta crescendo anche in Svizzera. Ma i tempi sono stretti, in quanto la i paesi firmatari si riuniranno il 10 e 11 dicembre a Marrakech, in Marocco.

Come avevamo già riportato settimana scorsa (vedi articoli allegati) la Commissione per le istituzioni politiche del Consiglio nazionale ha richiesto al Consiglio federale di non firmare l'accordo per il momento e di sottoporlo al Parlamento sotto forma di decreto federale.

Altre due mozioni dell'UDC – una del consigliere nazionale Thomas Aeschi e una del Consigliere agli Stati Hannes Germann - invocano persino un totale abbandono: la Svizzera non dovrebbe nemmeno firmare il patto, ma almeno il Parlamento dovrebbe essere in grado di decidere, e eventualmente

Il tempo sta per scadere, perché se il Parlamento vuole sospendere la firma o approvarla, deve fare i conti con le richieste fatte durante la sessione invernale, ma prima che il patto sia firmato in Marocco.

Le due proposte del Consiglio nazionale non sono nemmeno all'ordine del giorno della sessione provvisoria: "Il Consiglio federale non ha ancora risposto a queste proposte e quindi non possiamo affrontarle", spiega Roger Nordmann al Blick il capogruppo del gruppo parlamentare socialista. Oltre l'opposizione dell'UDC, anche PPD e PLR, pur senza prendere posizione sul trattato in sè, chiedono che la questione passi dal parlamento. A sinistra nessun partito si è espresso ufficialmente ma singoli esponenti si sono detti favorevoli a che la Svizzera firmi il trattato.

Al Consiglio degli Stati, la proposta di Germann, anch'essa ancora senza risposta è prevista per l'11 dicembre, ossia dopo che la Svizzera avrebbe firmato il trattato: "Non ha senso discutere le proposte dopo il fatto. È incomprensibile ", afferma Germann, aggiungendo che indebolirebbe non solo il Parlamento, ma significherebbe anche" una dichiarazione di fallimento nei confronti del Consiglio federale ".

Germann ora spera che il Consiglio federale si asterrà volontariamente dal firmare il patto: "Le riserve sono diventate chiare nelle ultime settimane", ha detto Germann, "Possiamo ancora firmare il patto in un secondo tempo, non è una questione urgente e prima dobbiamo discutere con calma del valore aggiunto e dei rischi che questo trattato comporta".

Anche a livello popolare sta crescendo l'opposizione al trattato. Un'associazione denonimata "Patrioti Svizzera" ("Patrioten Schweiz") ha promosso nelle scorse settimane una petizione contro il Patto ONU, petizione che finora ha raggiunto quasi 63'000.

Guarda anche 

La Francia pagherà i 300 milioni dei frontalieri entro la fine dell'anno (e qualcuno vuole sanzionare il ritardo)

In Romandia, diversi cantoni e comuni stanno ancora aspettando la retrocessione delle imposte dei lavoratori frontalieri dalla Francia. Come già avevamo scritto (v...
15.12.2018
Svizzera

Per Angela Merkel, una volta adottato il Patto ONU per la migrazione "sarà valido per tutte le nazioni"

Rispondendo il 12 dicembre a una domanda del deputato AFD Martin Hebner al Bundestag Angela Merkel sostiene, che una volta adottato a New York il 19 dicembre prossimo il ...
14.12.2018
Mondo

Si licenzia dopo che il datore gli abbassa di un terzo lo stipendio, la disoccupazione lo punisce

Impiegato come rappresentante, Michel (nome di fantasia), 58enne vallesano, viene improvvisamente licenziato per l'azienda per cui lavora. Lo stesso giorno però...
13.12.2018
Svizzera

I rifugiati che tornano al loro paese perderanno il diritto all'asilo, ma con delle eccezioni (che hanno fatto infuriare l'UDC)

I rifugiati che fanno ritorno nel loro paese dovrebbero perdere il diritto di asilo in Svizzera. Il parlamento ha sì deciso di stringere la vite, ma alla fine il C...
13.12.2018
Svizzera