Ticino, 30 ottobre 2018

La Pravda di Comano ci ricasca

Patetica propaganda targata R$I ad una manifestazione di tre gatti che sostengono l’immigrazione clandestina ed i finti rifugiati con lo smartphone, e che sbroccano contro la Lega ed il Mattino. Chiaro: si tratta degli amichetti dell’emittente di regime… Quando si dice le folle oceaniche! Nel pomeriggio di ieri in quel di Bellinzona un sedicente kollettivo R-esistiamo (uella) ha organizzato una manifestazione pro-immigrazione clandestina.

Lo spettacolo era desolante: tre gatti, muniti addirittura di striscioni scritti in arabo (!), starnazzavano slogan a sostegno dei finti rifugiati con lo smartphone e dell’immigrazione clandestina, e sbraitavano contro esponenti dell’odiata Lega (in particolare Norman Gobbi e Roberta Pantani): uhhh, che pagüüüraaaa!

Uno degli striscioni usati dal kollettivo recita: “le frontiere uccidono”. Anche gli immigrati clandestini uccidono, come ci insegnano tragici e recenti fatti di cronaca della Vicina Penisola.

Naturalmente la Pravda di Comano, foraggiata col canone più caro d’Europa, con la massima goduria si è prestata a dare ampio spazio al “grande evento”: al Quotidiano R$I, slinguazzante servizio d’apertura (!) e della durata di ben tre minuti! Con tanto di lunga inquadratura, ma guarda un po’, su un autocollante che riprende la testata del Mattino storpiandola in: “il razzismo della domenica” (vedi foto sopra). Eccola qui, l’informazione equidistante della Pravda di Comano! Che pena!

Nel pomeriggio – come poteva essere diversamente? – i manifestanti erano già stati intervistati in ginocchio dalla Rete 1. E gli interlocutori hanno scelto di rimanere eroicamente nascosti dietro l’anonimato. Quando si dice “il coraggio delle proprie azioni”! Comunque, questi signori manifestanti (quanti tra loro sono cittadini svizzeri?) possono certamente rendersi utili ai migranti economici, ed in particolare a quelli alloggiati nel famoso bunker di Camorino: ad esempio riaccompagnandoli in Africa e restandoci assieme a loro.

Anche noi, infatti, siamo d’accordo che il bunker in questione venga chiuso; a patto però che gli attuali occupanti, tutti giovanotti che non scappano da nessuna guerra, vengano rimandati per direttissima al natìo paesello.

Ed è evidente che, se all’emittente di regime hanno risorse da dedicare a simili “eventi”, vuol dire che ne hanno troppe. Altro che “Piano R” (dove R sta per Ridicolo); canone a 200 Fr subito! E sono ancora troppi!

IL CANE PEO / MDD

Guarda anche 

Riecco Zeman: il boemo torna in panchina?

FOGGIA (Italia) – Dopo l’esperienza luganese, durante la quale aveva salvato i bianconeri al loro primo anno in Super League, disputando anche una finale di C...
10.12.2018
Sport

L'altra faccia dell'immigrazione: in Serbia non sanno come fermare lo spopolamento

L'immigrazione non è un fenomeno che causa danni e squilibri solo nei paesi che la subiscono. Anche nei paesi da cui partono gli immigrati spesso e volentieri ...
10.12.2018
Mondo

Dopo la lastra di marmo caduta, al LAC emergono nuovi difetti strutturali

A poco più di un mese dalla caduta di una delle lastre di marmo che compongono l'esterno del LAC di Lugano, emergono nuovi danni strutturali nell'edificio ...
10.12.2018
Ticino

Svolta nella morte di Astori: indagine per omicidio colposo

FIRENZE (Italia) – Svolta improvvisa e forse inaspettata per quanto riguarda la morte di Davide Astori, venuto a mancare lo scorso 4 marzo in un hotel di Udine, men...
10.12.2018
Sport