Sport, 08 ottobre 2018

Benedetta pausa, la sveglia a Cornaredo non è ancora suonata

Il nuovo Lugano di Celestini non ha dato segni di ripresa nella trasferta di Zurigo. Perdere contro questo GC, a dirla tutta, fa davvero male

LUGANO – Per la seconda volta consecutiva il Lugano è riuscito nell’impresa di rianimare l’ultima in classifica: dopo aver regalato punti allo Xamax, nella giornata di ieri i bianconeri sono riusciti a lasciare le penne anche al Letzigrund al cospetto del GC.

A dir la verità, perdere contro le Cavallette, contro queste Cavallette è un sacrilegio: dopo aver incassato a freddo una rete come quella di Bottani, con una papera clamorosa di Lindner a favorire il recupero e l’assist di Gerndt, qualsiasi squadra di bassa classifica sarebbe andata ancora più in confusione. Al GC, invece, pur non mostrando nulla di impressionante, è bastato sfruttare gli errori di un Lugano ancora in fase di convalescenza, nonostante il cambio in panchina e l’arrivo di Celestini.

Se l’autorete di Covilo è un episodio sfortunato che può capitare, il rigore causato da Yao – ancora una volta il difensore è risultato insoddisfacente e condizionante per i suoi – non ha una logica in un campionato di “Serie A”. Quello confezionato dall’accoppiata Daprelà-Sulmoni, e sbagliato da Sigurjosson, invece è ancora di più di difficile comprensione.

Eppure il Lugano, così come capitato anche nel recente passato, ha anche mostrato qualcosa di buono, ha avuto qualche sprazzo offensivo, ma il problema grande resta ancora irrisolvibile: il bomber. A questa squadra manca in maniera incredibile un giocatore da 15-20 reti a stagione: l’anno scorso ci pensava Junior a togliere le castagne dal fuoco, quest’anno il brasiliano è ancora l’ombra di se stesso. Gerndt lotta, si sbatte, sgomita, crea, si fa trovare sempre nel posto giusto al momento giusto, ma non è un finalizzatore. In questo momento è Bottani a risultare importante e determinante, anche perché anche ieri Jankto non ha visto il campo.

Per fortuna arriva la pausa per le nazionali. Celestini avrà così più tempo per lavorare con i suoi ragazzi, sistemare i dettagli che non funzionano e provare a trovare la quadratura del cerchio. Il neo allenatore continuerà con la difesa a 3? Troverà la giusta sistemazione di Crnigoj, ieri entrato sul finale? Riuscirà a dare un gioco che porti a qualcosa di concreto alla sua squadra? Anche perché la classifica ora si fa anche preoccupante…

Guarda anche 

Lugano, tanti rammarichi e qualche graffio. L’Ambrì pur soffrendo vola

LUGANO – E ora la classifica, anche se siamo solamente alla fine del primo turno di regular season e di hockey ce n’è ancora tanto da giocare, inizia a...
20.10.2018
Sport

Frölunda-Lugano: ecco l’ottavo di finale di Champions Hockey League

LUGANO – Sarà un ottavo molto interessante e complicato quello che attende il Lugano in Champions Hockey League: i bianconeri sono infatti stati sorteggiati ...
19.10.2018
Sport

VIDEO – Ibra si dà all’hockey: è lui la star allo Staples Center

LOS ANGELES (USA) – È da sempre, non solo un giocatore di calcio tra i più forti che si sono visti negli ultimi anni, ma anche una star mediatica che ...
19.10.2018
Sport

Fuchs: “Battere il Lugano ci darebbe una soddisfazione dopo la semifinale persa. L’Ambrì? Partì bene anche l’anno scorso…”

BIENNE – 2 gol e 4 assist nelle prime 11 giornate di campionato, il suo Bienne guida la graduatoria della regular season di LNA e, nonostante gli ultimi due KO inca...
19.10.2018
Sport