Sport, 07 ottobre 2018

Un weekend nero e 0 punti: dov’è il Lugano?

Sopraffatti dal Langnau, battuti dal Ginevra i bianconeri hanno incamerato due sconfitte mostrando lacune oggettive non solo nel gioco, ma anche nel carattere

LUGANO – Giudicare un weekend come quello appena vissuto dal Lugano risulta complicato (per i buonisti) e assolutamente facile (per i critici). Ovviamente la verità sta in mezzo, anche se a guardare bene questa volta la bilancia pende in favore dei secondi.

Sì perché i bianconeri nei 120’ giocati con Langnau e Ginevra hanno mostrato molto poco in positivo e veramente tanto in negativo. Venerdì Chiesa e compagni in pratica non sono neanche scesi in pista, visto che il tabellino finale recitava 10 tiri in porta. E non solo per il perfetto atteggiamento difensivo dei Tigers, ma soprattutto per la poca attitudine, la scarsa vena e la troppa supponenza dei sottocenerini che hanno affrontato il match con la testa di chi si sente superiore in partenza.

La scoppola evidentemente non è stata recepita a dovere visto che a Ginevra i ragazzi di Ireland non è che abbiano fatto figura migliore. Certo i tiri verso l’ex Ambrì Descloux sono stati molti di più, ma quasi sempre da posizione defilata. Anche in questo caso bisogna dare adito a una difesa, quella delle Aquile, abile ad allargare sempre il gioco bianconero, ma tutto il Lugano ha deluso. Il migliore in pista, infatti, è stato il debuttante in LNA Müller, schierato al posto di Merzlikins, nonostante sia stato superato al primo tiro subìto (da Rod), dal tocco ravvicinato di Almond e sia stato protagonista di un grossolano errore nel secondo tempo che poteva costare lo 0-3.

Se Fazzini ai nostri microfoni aveva detto che scendere subito in pista a Les Vernets, dopo la pessima figura rimediata alla Cornèr Arena, sarebbe stata una cosa positiva… il ghiaccio evidentemente ha detto altro. Quindi ben vengano i due giorni disponibili per riflettere prima di affrontare la sfida europea contro l’JYP – in realtà il cammino in Champions Hockey League dei ticinesi sembrerebbe ormai segnato – soprattutto in vista del delicato fine settimana che metterà Cunti e compagni di fronte al Friborgo e al Rapperswil. Con un atteggiamento e un’attitudine, si spera, ben diversi, dovendo fare i conti con le assenze di Reuille, Klasen alle quali si è aggiunta anche quella di Bertaggia.

Guarda anche 

Daniele Casalini - Come è stato gestito internamente il cantiere del LAC?

Dagli organi di stampa (vedi Corriere del Ticino del 10.12.2018 u.s.) emerge pubblicamente che il LAC presenta già, dopo solo quasi 5 anni dalla sua ultimazione, d...
13.12.2018
Opinioni

Andrea Censi - Debiti di Campione d'Italia? Deduciamoli dai ristorni dei frontalieri

Il dissesto finanziario del Comune di Campione d’Italia è una situazione oramai nota a tutti. Dopo il recente fallimento della casa da gioco cittadina, fonte...
13.12.2018
Opinioni

Cruccio portieri: il Lugano guarda in Lussemburgo?

LUGANO – Che uno dei problemi di questo Lugano, e di quello della passata stagione, sia quello dei portieri è sotto gli occhi di tutti. Da Costa, che si &egr...
13.12.2018
Sport

Riecco Zeman: il boemo torna in panchina?

FOGGIA (Italia) – Dopo l’esperienza luganese, durante la quale aveva salvato i bianconeri al loro primo anno in Super League, disputando anche una finale di C...
10.12.2018
Sport