Sport, 05 ottobre 2018

VIDEO – Botto pauroso per Lorenzo: la Ducati si distrugge, per lui niente fratture

Il maiorchino che vive a Lugano nel corso delle prove libere 2 del GP di Thailandia è stato protagonista di un bruttissimo incidente. Problemi al polso sinistro e al piede destro, ma proverà a esserci per le qualifiche

BURIRAM (Thailandia) – Non è proprio un buon momento per Jorge Lorenzo che, dopo l’highside di Aragon, è stato protagonista di un altro bruttissimo incidente durante le prove libere 2 del GP di Thailandia.

Nella staccata di curva 3, uno dei punti più delicati della pista, a causa dei una decelerazione improvvisa dai 310 agli 80-90 km/h, l’iberico ha perso il controllo della sua Ducati che è andata distrutta, tanto da richiedere la bandiera rosso e il controllo al centro medico, da dove Lorenzo è stato trasportato all’ospedale di Buriram.

“Nonostante il colpo notevole, non ci dovrebbero essere fratture, sia al piede destro che al polso sinistro”, ha spiegato il team manager della Ducati, Davide Tardozzi. Lorenzo è stato inoltre giudicato “fit” dalla Direzione Gara e cercherà di tornare in sella alla sua moto per le qualifiche

Guarda anche 

"Tassare i soldi inviati all'estero dagli asilanti"

Il consigliere nazionale leghista Lorenzo Quadri invita in un'interpellanza il Consiglio federale a considerare la possibilità di tassare il denaro inviat...
11.12.2018
Svizzera

VIDEO – Si stacca la copertura del motore: scatta il panico totale

LES VEGAS (USA) – Minuti di autentico terrore, di panico totale sono stati vissuti dai 166 passeggeri dell’Airbus A320 della compagnia americana low cost Fron...
12.12.2018
Magazine

Cambio dipartimenti in Consiglio federale, “Sommaruga ai trasporti un disastro”

Com'era preannunciato vi saranno diversi cambiamenti dei Dipartimenti in Consiglio federale. L'UDC Guy Parmelin lascia la difesa, della protezione della popolazio...
10.12.2018
Svizzera

Accordo quadro: come al solito, chinati a 90 gradi!

Altro che “negoziazione”, è una capitolazione su tutta la linea. Ma il governicchio federale non ha il coraggio né di respingere l’immonda...
10.12.2018
Svizzera