Mondo, 04 ottobre 2018

Ricercato numero uno in Francia si nasconde per mesi indossando il Burqa

Rédoine Faïd, il fuggitivo più ricercato della Francia per la morte di una poliziotta durante una rapina fallita nel 2010, è stato catturato a tre mesi quasi dal giorno in cui è fuggito dal carcere, riferisce France24.

Era la mente dietro una rapina fallita nel 2010, tra una pletora di precedenti crimini. Una poliziotta è stata uccisa durante il suo tentativo di rapina di un furgone della sicurezza che trasportava contanti.


Il 1 ° luglio, con l'aiuto di tre uomini pesantemente armati, fuggì su un elicottero pilotato da un istruttore di volo preso in ostaggio. Era in fuga da tre mesi e non era la prima fuga di Faïd. Nel 2013 ha sequestrato quattro guardie carcerarie e utilizzando la dinamite, ha fatto saltare le porte della prigione. Trascorse sei settimane da fuggitivo dopo quella fuga.

Mercoledì mattina presto, la polizia ha rintracciato Faïd in un condominio dopo aver monitorato i telefoni cellulari utilizzati dalla banda che ha partecipato alla fuga. C'era una giovane donna a Creil, dove è cresciuto Faïd, che lo scorso fine settimana aveva "fatto entrare nella sua macchina una persona vestita con un burqa la cui figura suggeriva che poteva essere un uomo".

La persona vestita con un burqa scese dall'auto ed entrò nell'appartamento della donna seguito da un'altra persona, anch'essa in un burqa. La polizia ha immediatamente sospettato che le due persone che indovassano il burqa fossero Rédoine Faïd e di suo fratello Rachid.

Mercoledì, un grande dispiegamento di forze della polizia francese della BRI ha fatto irruzione nell'appartamento, arrestando Rédoine Faïd, suo fratello Rachid, insieme al nipote ventottenne del proprietario dell'appartamento. Il nipote e altri due sospetti sono stati detenuti altrove.

Rédoine è uno dei criminali più famosi di Francia. Nonostante la natura violenta dei suoi crimini, ha quasi avuto uno status di celebrità.
Fu condannato a 10 anni di carcere dopo la sua fuga del 2013 e fu anche dato 18 anni per essere la mente dietro la rapina del 2010. Nel 2018, ha fallito un appello e gli è stata commitata una condanna a 25 anni.

Che uno dei criminali più ricercati e violenti di Francia sia sfuggitos alla cattura della polizia indossando semplicemente il burqa è risultato imbarazzante per il ministro della giustizia Nicole Belloubet. Mercoledì ha giurato: Lo metteremo in un impianto di massima sicurezza dove sarà osservato con estrema attenzione ".

La battaglia del burqa si è notevolmente intensificata con la notizia della cattura di Faid, visto che i cittadini di tutta la Francia e del mondo stanno vedendo le valide ragioni per non permettere il burqa nei luoghi pubblici. 

Guarda anche 

Patto ONU, arriva l'avvertimento di Trump

Con il Global Compact on Migration, detto anche Patto per la migrazione, le Nazioni Unite vogliono "far progredire la governance globale a spese del diritto sovrano ...
11.12.2018
Mondo

L'altra faccia dell'immigrazione: in Serbia non sanno come fermare lo spopolamento

L'immigrazione non è un fenomeno che causa danni e squilibri solo nei paesi che la subiscono. Anche nei paesi da cui partono gli immigrati spesso e volentieri ...
10.12.2018
Mondo

In Belgio è crisi politica sul Patto ONU per la migrazione, i nazionalisti fiamminghi lasciano il governo

Il patto delle Nazioni Unite sulla migrazione ha creato una grave crisi politica in seno al governo belga. Il primo ministro Charles Michel (al centro nella foto) si &egr...
10.12.2018
Mondo

Migliaia di inglesi manifestano a Londra per sostenere l'uscita dall'UE (a due giorni dal voto cruciale sull'accordo di Theresa May)

Migliaia di inglesi sono scesi in strada domenica per protestare contro l'accordo raggiunto dalla premier Theresa May con l'Unione europea e sostenere la causa de...
10.12.2018
Mondo