Opinioni, 01 ottobre 2018

Marioli: "Nonostante la globalizzazione il dialetto è ancora ben radicato"

Il deputato leghista Nicholas Marioli presenta un'iniziativa per introdurre corsi di dialetto nelle scuole ticinesi.

Una questione di cifre

In base alle pubblicazioni Ustat del 2017, in Ticino circa il 30% della popolazione si esprime e comprende correttamente la lingua locale. A fare da capofila è la Valle di Blenio nella quale ben il 69% della popolazione parla e comprende il dialetto, a seguire la Vallemaggia (58%), Leventina (54%), Riviera (43%), Bellinzonese (38%), Mendrisiotto (31%), Locarnese (28%) ed infine il Luganese con solo il 23%.
Or dunque il dialetto si può tranquillamente affermare che sia ancora ben introdotto nella realtà ticinese, nonostante la globalizzazione degli ultimi decenni.

Sensibilizzazione

Il tema della salvaguardia del dialetto è da sempre di attualità, anche se concretamente sul profilo politico poco si è proposto in questi anni.
Nel 2010 l’allora deputato Nanad Stojanovic (PS) fece un’interrogazione nella quale chiedeva se il Consiglio di Stato era favorevole a far partire dei progetti pilota per la realizzazione di corsi facoltativi di dialetto nelle scuole.
Negli scorsi anni venne anche lanciata una petizione per far rientrare nei palinsesti della RSI le commedie dialettali.
Notizia più recente, lo scorso ottobre 2017, è l’approvazione a larghissima maggioranza (51 favorevoli, 4 contrati e 0 astenuti) da parte del Consiglio Comunale di Lugano di una mozione volta a favorire i corsi facoltativi di dialetto nei doposcuola.
Questa iniziativa parlamentare si pone come obiettivo principale la sensibilizzazione a livello politico e mediatico di questo tema.

Integrazione

È necessario che anche i giovani per lo meno passivamente comprendano le variate lingue locali, anche per poter instaurare dei buoni rapporti con tutte le componenti locali del nostro Cantone: dall'ambiente bancario all'ambiente contadino, dai giovani ai “noss vècc”. Oltre che ad una integrazione “sociale” è auspicabile anche per quanto riguarda la tematica dell’integrazione degli stranieri, i quali avrebbero a disposizione uno strumento efficace per agevolare la propria integrazione nel contesto e nel tessuto ticinese.

Salvaguardia

Lo stesso Franco Lurà, già direttore del centro di dialettologia e di etnografia, interpellato esplicitamente su TicinoLibero (http://www.ticinolibero.ch/il-dialettologo-lura-dialettoper-chi-vuole-il-passaporto-le-priorita-sono-altre/), non ha negato la crisi del dialetto e nelle scuole riferiva che "personalmente immaginerei di fare qualche esperimento, non solo dal punto di vista grammaticale bensì una trasmissione che tenga conto di tutto quello che è il mondo che si collega al dialetto, ovvero una conoscenza storica, dei rapporti sociali, di storie, leggende, aneddoti locali e tradizioni. Vedrei un insegnamento, dunque, a 360°".

Superamento dei luoghi comuni

Questa iniziativa parlamentare vuole anche finalmente superare i luoghi comuni che tendono a ritenere il dialetto un'espressione di una volgarità popolare, ma dare il giusto e doveroso spazio a un elemento spiccatamente di casa nostra (non occorre andare lontani per osservare Oltregottardo l'affezione allo svizzero-tedesco).


    2. Conclusione

Pertanto, si propone la seguente modifica della Legge della Scuola:

Capitolo VIII
Insegnamento facoltativo del dialetto

 
Insegnamento del dialetto
Art. 23b (nuovo)1L’insegnamento del dialetto è impartito in tutte le scuole elementari e medie.
2La frequenza degli allievi all’insegnamento del dialetto è facoltativa ed è accertata all’inizio di ogni anno dall’autorità scolastica mediante esplicita richiesta alle autorità parentali, rispettivamente agli allievi se essi hanno superato i diciotto anni d’età.
3La designazione degli insegnanti, la definizione dei piani di studio, la scelta dei libri di testo, del materiale scolastico e la vigilanza didattica vengono preavvisati dal Centro di Dialettologia e di Etnografia.
4La vigilanza amministrativa compete alle autorità scolastiche.




Nicholas Marioli (primo firmatario)
Daniele Casalini, Lega
Giancarlo Seitz, Lega
Paolo Pamini, La Destra
Tiziano Galeazzi, La Destra
Franco Denti, Verdi
Raffaele De Rosa, PPD
Andrea Giudici, PLR

Guarda anche 

Lukas Bernasconi - Sindacalisti: ecco perchè non difendono i lavoratori residenti

Il ricorso presentato da Ghisletta & Co contro l’art. 15 del nuovo ROD conferma in modo chiaro come il partito socialista se ne infischi dei lavoratori resident...
17.12.2018
Opinioni

Daniele Casalini - Come è stato gestito internamente il cantiere del LAC?

Dagli organi di stampa (vedi Corriere del Ticino del 10.12.2018 u.s.) emerge pubblicamente che il LAC presenta già, dopo solo quasi 5 anni dalla sua ultimazione, d...
13.12.2018
Opinioni

Andrea Censi - Debiti di Campione d'Italia? Deduciamoli dai ristorni dei frontalieri

Il dissesto finanziario del Comune di Campione d’Italia è una situazione oramai nota a tutti. Dopo il recente fallimento della casa da gioco cittadina, fonte...
13.12.2018
Opinioni

Salvini porta la Lega in piazza: "Datemi il mandato a trattare con l'Ue"

"Ce la metteremo tutta per far tornare l'Italia grande". Quando Matteo Salvini è salito sul palco della manifestazione della ...
08.12.2018
Mondo