Mondo, 30 settembre 2018

La grande migrazione e l'incapacità dell'Europa di farvi fronte

Dall'inizio di questo secolo ed in particolare dopo la cosiddetta crisi dei rifugiati del 2015/2016, l'Europa occidentale sta affrontando una sfida esistenziale a causa di un'esplosione demografica. Questa esplosione è avvenuta al di fuori dei confini europei, ma colpisce l'Europa fino alle viscere con l'invasione il suo territorio. La popolazione delle regioni del Medio Oriente e del Nord Africa è quasi raddoppiata negli ultimi decenni. Sfortunatamente, questa esplosione demografica è accompagnata dalla stagnazione economica di tutti i paesi della regione e da una struttura politica di tipo medievale-dispotico. I disperati musulmani del Medio Oriente sono alla ricerca di uno "sbocco" e credono di trovarlo in Europa; arrivano a milioni e l'Europa non è pronta per questa valanga demografica.

In questa atmosfera, la primavera araba ha avuto luogo e ha offerto un barlume di speranza per la libertà, la democrazia e lo sviluppo. Invece, c'è stato un collasso dello stato, che ha provocato guerre interne in Libia, Siria, Iraq e Yemen, la cui fine ancora non è in vista. Nei prossimi anni seguiranno altri stati mediorientali, con la Turchia e forse anche l'Egitto e l'Algeria. La globalizzazione del nostro tempo porta in sè la malattia che gli altri paesi devono pagare per queste mancanze in Medio Oriente, in questo caso in particolare l'Europa occidentale.

Un continente alla mercè del politicamente corretto

La grande minaccia dell'Europa dopo la seconda guerra mondiale è l'attuale situazione di crisi della migrazione dei popoli, che si svolge sotto il nome di fuga dall'Africa settentrionale, dal Medio Oriente, dall'Asia centrale e dall'Africa subsahariana verso l'Europa. Finora sono arrivati ​​oltre due milioni di persone e altri milioni sono seduti sulle loro valigie per arrivare in Europa. Diverse volte ho osservato personalmente come coloro che arrivano in Europa dicono ai membri del loro clan quanto "grandi" siano in Europa; vivono il presunto paradiso e invitano a seguire l'esempio. Il diritto europeo al ricongiungimento familiare consente anche questo.

L'UE non ha una strategia per reagire a questa sfide eccetto slogan pii come la "solidarietà". In Europa, negli ultimi anni, la sinistra ha creato una narrativa politicamente corretta che proibisce qualsiasi discussione libera sull'argomento qui discusso.

Lo sviluppo deve essere controllato

L'immigrazione, se controllata, potrebbe arricchire l'Europa e la diversità culturale che ne deriva potrebbe diventare un fattore positivo. Tuttavia, ciò è possibile solo attraverso l'apertura controllata delle frontiere; questo sviluppo deve essere gestito dagli stati interessati, quindi sia quelli di emigrazione che quelli di immigrazione. Ma chi insorge contro l'attuale sistema viene tacciato di "populismo", "razzismo" e "islamofobia" e viene rapidamente escluso dagli ambienti mediatici e politici. I tedeschi sono campioni del mondo non solo nel calcio, ma anche nell'ideologia del problema dell'immigrazione. Un esempio di questo è il professore tedesco Herfried Münkler. Ne suol libro "I nuovi tedeschi" , gli immigrati di Münkler vengono definiti cittadini, senza che vi sia una regola chiaramente definita.

Gli altri esperti della cultura di accoglienza li chiamano i "nuovi cittadini". Se "Citoyen / Citizen" è inteso come cittadini, nessuno dei circa due milioni di rifugiati soddisfa questo requisito. Finché le comunità islamiche in Europa combattono il concetto di integrazione e vivono in società parallele, gli immigrati islamici non possono diventare cittadini europei. Responsabilmente etico sarebbe fare una classificazione legale, sociale e politica dei rifugiati. È fondamentale definire la società ospitante e la sua identità stessa. I verdi di sinistra tendono a voler trasformare la popolazione indigena in una minoranza a lungo termine. A differenza dei migranti, agli europei viene negata la propria identità. Aggiungi a questo la differenza tra i diversi tipi di immigrazione, che Münklers nasconde nel suo libro. Statisticamente e politicamente la Germania di Merkel si caratterizza nel periodo 2015/2016 per il fatto che è classificata come paese di immigrazione. Ci sono milioni di persone nel suo territorio senza uno scopo chiaro, anche senza documenti. Come parte di una cultura "accogliente", questo viene accettato come se fosse una cosa evidente e naturale.

Sei categorie di classificazione

Un paese di immigrazione non solo consente l'arrivo di persone che non partecipano alla vita sociale e non si integrano, ma non ha nemmeno un concetto di politica per trattare con queste persone o come possono essere integrate nella comunità esistente. Gli Stati Uniti, il Canada e l'Australia sono i classici paesi di immigrazione, mentre la Germania è il paese di immigrazione più importante al mondo; in primo piano perché assorbe statisticamente più migranti persino più degli Stati Uniti. Amburgo da sola assorbe metà del numero di migranti (35.000) all'anno, che occupano gli Stati Uniti in un anno (70.000). Gli stranieri che entrano nel territorio di un altro paese devono avere un chiaro scopo sociale e giuridico. Per questi stranieri ci sono tecnicamente sei categorie:

1 Lavoratori stranieri temporanei

2 Migranti come immigrati desiderati

3. Migranti come immigrati indesiderati

4. Rifugiati economici, quindi che non hanno diritto all'asilo

5. Profughi di guerra secondo il diritto internazionale

6. Individui vittime di persecuzioni politiche che hanno il diritto di ottenere l'asilo ai sensi del diritto internazionale

Queste categorie non sono intercambiabili; Ad esempio, un richiedente l'asilo non è un migrante. Una politica umanitaria non può sostituire una politica di immigrazione. Questo standard internazionale sull'argomento non sembra essere applicato oggi in Europa perché contraddice l'ideologia di sinistra. Come esempio per la categoria 1, cioè i lavoratori ospiti, si possono chiamare turchi, spagnoli e italiani, che dopo il 1960 arrivarono in Svizzera e in Germania per un periodo limitato di tempo. Le restanti cinque categorie vengono confuse in Germania e gettate nel piatto del "richiedente l' asilo". È semplicemente ridicolo come lo stato tedesco compia procedure elaborate per il deposito e la revisione delle domande di asilo, che alla fine rimangono senza valore. Perché un risultato negativo non cambia se i richiedenti asilo accettati e respinti possono rimanere nel paese o no. I richiedenti asilo respinti (attualmente in Germania circa mezzo milione) ricevono il primo status di tolleranza, che è collegato dopo alcuni anni con una residenza permanente con un altro diritto al pieno accesso alle prestazioni di assistenza sociale.
I libanesi di Essen

Vorrei parlare della città di Essen come esempio: Un terzo dei libanesi giunti nella città dopo la guerra in Libano 1975-1990 libanese è, in senso legale, solamente "tollerato" da ben tre generazioni. Questi richiedenti l'asilo libanesi la cui domanda d'asilo è stata respinta vivono in una società parallela nei loro clan criminali. Ci si pone quindi, per quanto cinico che sia, la seguente domanda: perché procedure di asilo così complesse vengono eseguite se non hanno alcun effetto? Un articolo del giornale FAZ su questo argomento suggerisce che i nuovi migranti "seguiranno il modello dei libanesi di Essen".

L'asilo non è un diritto di gruppo

A livello sociale, a parte la differenziazione tra immigrazione e asilo, è necessario distinguere tra politiche umanitarie e di immigrazione. È indiscutibile che le persone politicamente perseguitate abbiano il diritto di asilo, ma questo diritto è un diritto individuale e non di gruppo. Anche la nota persecuzione politica non conferisce al richiedente uno status permanente, quindi non è immigrazione. Perché il diritto di asilo giustifica una permanenza temporanea. L'immigrazione è naturale e caotica, come in Germania da settembre a dicembre 2015, quando i controlli alle frontiere sono stati aboliti e 1,5 milioni di persone sono venute incontrollate. L'immigrazione viene, però, prima richiesta alla comunità ospitante e in secondo luogo, ha l'obiettivo di rendere la persona immigrata stabilmente membro membro della comunità. La cittadinanza deve essere acquisita attraverso il lavoro e non può essere data a persone presenti come richiedenti l'asilo che nemmeno parlano la lingua locale, quelli definiti da Münkler come "nuovi cittadini".

Oltre alla distinzione tra politica dell'immigrazione e asilo discussa sopra e tra questa e la politica umanitaria, viene aggiunto il seguente fattore: "interesse nazionale". Gli islamisti sono perseguitati in molti dei loro stessi paesi islamici. Tuttavia, non dovrebbe essero concedesso loro asilo in Germania perché rappresentano un rischio per la sicurezza. Questo tabù si deve abbattere e dire che anche nella politica umanitaria la politica di sicurezza deve svolgere un ruolo paritario, se lo stato di diritto deve continuare a esistere.

65 milioni di persone in fuga

Secondo l'UNHCR, nel 2015 c'erano 58 milioni di persone in fuga. Nel 2016, il numero è salito a 65 milioni. Nella prima settimana di ottobre 2016, Amnesty International ha pubblicato un rapporto di accusa contro i "paesi ricchi", che non sono disposti ad accettare questi rifugiati a tempo indeterminato. La mia reazione è: questa è pura follia. Chiunque abbia una minima idea dei sistemi sociali deve sapere che ogni sistema sociale richiede l'auto-manutenzione, cioè l'autoaffermazione per l'esistenza futura. Con l'ammissione di 65 milioni di rifugiati, l'Europa non esisterebbe più come un continente con una propria identità di civiltà. Questo fatto deve poter essere pronunciato liberamente senza essere chiamato "populista".

La più grande minaccia per l'Europa non è la migrazione dei popoli dal mondo islamico, ma il nichilismo relativistico culturale postmoderno, che nega qualsiasi riferimento al valore come cornice per l'identità in Europa. Questa perdita di identità riguarda due aspetti centrali della modernità culturale europea: questi sono il secolarismo e la democrazia laica degli individui, non il collettivo. I "nuovi tedeschi" portano con sé una visione del mondo che nega entrambi.

L'integrazione ha sempre luogo in qualcosa, cioè in una comunità con un'identità culturale. Se la Germania nega la sua identità, la conseguenza è chiara: l'incapacità dei nuovi arrivati di integrarsi. Sorge allora la seguente domanda: a chi appartengono gli immigranti per propagandisti del governo che parlano di "nuovi tedeschi" (Münkler), se il paese non offre loro alcuna identità? Loro, che si sentono emarginati, cercheranno un'alternativa: questo è il velo della Sharia - l'Islam come identità, che viene mantenuta in una società parallela.

L'attuale migrazione di popoli dal mondo islamico verso l'Europa è un fenomeno politico-sociale, non un evento naturale indeterminabile. L'Europa può ribellarsi, e vi spiegherò come:

Distruggere il club rossoverde

1. Il dominio mediatico rossoverde deve essere messo in discussione sullo sfondo dell'obiettivo di ripristinare la cultura politica europea della libertà di parola. Invece di un dibattito fatto di slogan di battaglia e di censura bisogna essere in grado di esprimere "pensieri scomodi" circa l'islam e l'immigrazione, senza preoccuparsi dell'irritazione che ciò provoca nei media e gli esponenti del club rossoverde.

2. L'Europa deve sviluppare una politica di immigrazione che sia separata dalla politica di asilo. È importante distinguere tra immigrazione e politica umanitaria. La politica umanitaria è un dovere di tutti i paesi del mondo, ma questa politica non viene messa in atto perchè nel resto del mondo si crede che questo problema verrà risolto sul territorio europeo. L'Europa deve pretendere il diritto di poter controllare i suoi confini e determinare chi entra nella casa europea.

3. Senza un concetto di integrazione che soddisfi le condizioni politiche, economiche e culturali, i nuovi arrivati ​​creeranno le loro proprie società parallele. Alloggi e corsi di lingua non forniscono integrazione.

Il peggior nemico dell'Europa vive dentro di essa: un'etica acceccante e la divisione del mondo in oppressi (non europei, per la sinistra) e in oppressori (la Germania con il passato nazista, i paesi europei e il loro passato coloniale ). Per finire vorrei citare il filosofo Max Weber il quale aveva affermato: "Chi non vede, è politicamente un bambino". Questa frase è un atto d'accusa schiacciante della cultura politica attuale dell'Europa.

Bassam Tibi, professore di relazioni internazionali all'Università di Göttingen (D) / Baz.ch (articolo tradotto)


Guarda anche 

L'immigrazione aumenta nuovamente (nonostante l'entrata in vigore dell'iniziativa che doveva limitarla)

Da tre mesi circa è in vigore la legge che dovrebbe applicare l'iniziativa contro l'immigrazione di massa, accolta dalla popolazione svizzera il 9 febbraio...
17.10.2018
Svizzera

L'attivista africano: "L'èlite globalista vuole togliere all'Africa i suoi giovani, per questo l'Italia deve chiudere le sue frontiere"

Mohamed Konare è un attivista africano e capo del nascente "Movimento panafricano", un gruppo che ha come obiettivo, citiamo, di "liberare definitiv...
14.10.2018
Mondo

In Ticino più lavoratori stranieri che svizzeri

Stando ai dati statistici del 2017 gli svizzeri sono ormai diventati una minoranza sul mercato del lavoro. Come si può vedere dal grafico sotto infatti, gli svizze...
10.10.2018
Ticino

Compra un contratto di lavoro fittizio per ottenere il permesso di dimora, le autorità non intervengono

Che in Svizzera, e in particolare in canton Ticino, esista il fenomeno dei permessi fittizzi, ossia di persone straniere che sono in possesso di permessi di residenza sen...
08.10.2018
Ticino