Svizzera, 29 settembre 2018

Dieci modi con cui i politici aggirano la volontà popolare

Limiti all'immigrazione, protezione delle Alpi, congedo di maternità: in Svizzera non è sufficiente che la popolazione voti affinché la legge cambi in modo automatico. Quando la volontà popolare non è ritenuta appropriata, il Consiglio federale, il Parlamento, i tribunali e le autorità competono in modo creativo per eluderlo. Il portale "swissinfo" ha pubblicato un articolo in cui presenta dieci modalità con cui le autorità svizzere aggirano la volontà popolare.

Il Parlamento e il Consiglio federale a volte si oppongono a un voto, ritenendolo problematico. Questo è il caso dell'ora legale: sebbene la popolazione abbia chiaramente rifiutato la sua introduzione, le Camere federali e il governo hanno annullato questa decisione e introdotto la misura nel 1981, con la motivazione che tutti i paesi confinanti con la Svizzera l'avevano adottato.
Il governo, il Parlamento e le autorità agiscono in modo più o meno sottile quando vogliono eludere risultati di voto sgraditi, problematici o in conflitto con le proprie convizioni. Ecco una panoramica delle strategie preferite.

Strategia n ° 1: annacquare l'attuazione dell'iniziativa

Il 9 febbraio 2014 l'elettoratosvizzero ha accolto l'iniziativa popolare "contro l'immigrazione di massa" che mira a limitare i permessi di soggiorno in Svizzera tramite contingenti e quote annuali.
L'attuazione dell'iniziativa è prevista per febbraio 2017. Problema: l'introduzione di quote e contingenti sull'immigrazione non è compatibile con l'accordo sulla libera circolazione delle persone con l'Unione europea. Le camere federali non intendono denunciare questo accordo.
La soluzione trovata: invece di limitare l'immigrazione per mezzo di contingenti, come previsto dall'iniziativa, il parlamento punta su l'annuncio di posti di lavoro vacanti in settori in cui la disoccupazione locale supera determinate soglie.
Tuttavia i contingenti e l'obbligo di annunciare i posti vacanti hanno poco a che fare l'uno con l'altro. Con la sua versione annacquata, il parlamento afferma di aver attuato un'iniziativa problematica, ma non gli è importato davvero della sostanza.

Strategia n ° 2: tattica del salame

In caso di votazioni dall'esito non voluto, è possibile creare progressivamente raggiungere l'obiettivo desiderato a piccoli passi. Un esempio è la privatizzazione delle centrali elettriche statali. Nel 2000, la popolazione di Zurigo ha votato contro la privatizzazione dei servizi elettrici della città di Zurigo (ewz) sotto forma di una società per azioni. Tuttavia, ewz ha continuato ad agire come una società privata senza nascondere che sarà privatizzata nel prossimo futuro. Non c'è da stupirsi: il èarlamento e il municipio hanno lavorato passo dopo passo in questa direzione, cercando di rendere la centrale elettrica maggiormente indirizzata verso il mercato privato attraverso piccoli cambiamenti legali.

Strategia n ° 3: l'atteggiamento attendista

Se il risultato di un voto popolare non è quello voluto, basta aspettare l'orologio. Dal 1945 (!), un articolo costituzionale accettato dall'elettorato - maschile - prevede l'istituzione di un'assicurazione maternità. La gravidanza è lunga. Il congedo di maternità è introdotto solo nel 2005, quando le persone approvano una modifica della legge federale sulle indennità per mancato guadagno. Per non ripetere questo scenario, l'iniziativa "Per congedo di paternità" fissa apposittamente una scadenza per la sua implementazione.
Accettata nel 1987, l'iniziativa "protezione dellle paludi", chiamata anche iniziativa "rothenthurm" sarà implementata in ritardo. Alcuni cantoni, irritati dall'ingerenza della Confederazione, non rispettano le scadenze.

Strategia n ° 4: il rifiuto

Nel 2004, la popolazione ha detto sì all'iniziativa '"Internazione a vita per i trasgressori sessuali o ai trasgressori violenti ritenuti pericolosi e non curabili". La sua attuazione è delicata, in quanto questo testo viola i diritti umani.
La commissione affari giuridici del Consiglio nazionale raccomanda di non entrare nella questione, considerando l'applicazione di questa iniziativa problematica. Il Parlamento non segue questa strategia di rifiuto. Le disposizioni giuridiche in materia entrano in vigore nel 2008.
Da allora, le preoccupazioni degli iniziativisti non sono state tuttavia rispettate dai tribunali, in particolare dal Tribunale federale il quale finora ha infranto le decisioni di internamento a vita pronunciate da istanze precedenti. In un giudizio del 2013, decretò che "solo uno che è veramente inaccessibile alle cure per la vita può essere internato per tutta la vita".

Strategia n ° 5: una confezione diversa

Nel 2008, il popolo respinge chiaramente un'iniziativa popolare che intende legalizzare la cannabis. La legislazione relativa al suo uso diventa tuttavia progressivamente più flessibile. Dal 2013, il possesso di meno di dieci grammi di cannabis è soggetto a una multa, secondo una decisione del parlamento. Se il consumatore paga questa sanzione - nell'ordine di 100 franchi - non vengono pronunciate denunce o procedimenti penali. Sulla base di una sentenza del Tribunale federale, i magistrati di Zurigo e Winterthur e la polizia cantonale di Zurigo ha deciso l'anno scorso che il possesso di meno di dieci grammi di cannabis era ora legale. Chiunque acquisti e consumi piccole quantità non deve quindi preoccuparsi.
Dal 2011 è inoltre consentita la vendita e il consumo di canapa con un contenuto di THC inferiore all'1%. Le vendite della cosiddetta "cannabis CBD" stanno esplodendo nei negozi e nei chioschi. Vengono inoltre discussi i progetti per la distribuzione controllata ai tossicodipendenti o per le valutazioni scientifiche. Quest'ultimo è autorizzato per ragioni mediche, ad esempio per il trattamento del dolore nei pazienti oncologici. È inoltre in corso una raccolta di firme per una nuova iniziativa popolare volta a legalizzare la cannabis. Se riesce, la popolazione chiarirà se vuole mantenere il divieto o no.

Strategia n ° 6: le geremiadi

Non appena vengono applicati determinati requisiti, è possibile lamentarsi degli effetti generati e proporre nuove disposizioni. Presentata nel 2011, l'iniziativa popolare "protezione contro i conducenti pirati" prevede una pena minima di un anno di reclusione per eccesso di velocità su strade pubbliche e un prolungato ritiro della patente di guida e della confisca del veicolo. Una nuova legge tiene conto di queste affermazioni sul legame interiore nel 2013 e gli iniziativisti ritirarono quindi il loro testo.
Tuttavia, a soli cinque anni dall'inasprimento della legge sul traffico stradale, questa deve essere di nuovo rilassato. Il Parlamento vuole abolire la pena minima: quest'ultima è considerata sproporzionata e non lascia margini discrezionali ai giudici.

Strategia n ° 7: il laissez-faire

La volontà popolare può anche essere aggirata dallo sviluppo di una pratica che non è ridotta alla legge scritta. Nel 1977, gli svizzeri rifiutarono la legalizzazione dell'aborto e respinsero, un anno dopo, la cosiddetta legge delle indicazioni sociali, combattuta per referendum. Il popolo accetta finalmente la depenalizzazione dell'aborto nel 2002. Prima di questa data è possibile abortire in Svizzera in tutta impunità: l'indicazione medica è ampiamente interpretata, tenendo conto del fatto delle " ragioni psicologiche ". Dal 1988, nessuna condanna è stata pronunciata per l'aborto.
Allo stesso modo, il divieto di assenzio (una bevanda ad alto contenuto alcolico prodotta soprattutto nel canton Neuchatel) introdotto nel 1908 in seguito a un'iniziativa popolare viene applicato solo in modo approssimativo dalle autorità. La distillazione e il consumo continuano in modo più o meno nascosto. L'assenzio è ufficialmente autorizzato dal 2005, quasi 100 anni dopo.

Strategia n ° 8: il posticipo alle calende greche

Nel 1994, la popolazione accetta l'iniziativa per la protezione delle Alpi, che mira a trasferire il traffico merci attraverso le Alpi dalla strada alla ferrovia entro dieci anni. Ritenendo che l'iniziativa violi gli accordi internazionali, il Consiglio federale cerca di raggiungere gli obiettivi del testo attraverso altre misure che risolvino le controversie con l'UE. Tuttavia, l'iniziativa non è ancora completamente implementata.

Strategia n ° 9: chiudere gli occhi

A volte le autorità chiudono gli occhi. Ad esempio: nel canton Berna, le sponde dei laghi dovrebbero essere aperte al pubblico dall'adozione di un'iniziativa nel 1982. Ma alcuni comuni non hanno implementato ancora implementato la misura a più di 30 anni dal voto, senza che il cantone abbia fatto nulla in merito.

Strategia n ° 10: sfruttare le mancanze

Il popolo svizzero ha accolto nel 2013 l'iniziativa popolare "contro le retribuzioni abusive, chiamata anche iniziativa Minder dal nome del suo autore. Questo testo intende impedire il pagamento di salari o bonus eccessivi e, in particolare, prevede il divieto di indennità di fine rapporto e di assunzioni per i dirigenti di società quotate in borsa.
Secondo l'iniziativa, è responsabilità del governo emettere un ordine di esecuzione entro marzo 2014, che è entrato in vigore nel 2015 ed è soggetto a un periodo di transizione. L'implementazione sarà definitiva quando la legge sulle società per azioni sarà rivista.
Anche con le nuove regole, le aziende potranno facilmente eludere la decisione del popolo retribuendo i propri manager in modo diverso dalle modalità vietate. L'iniziativa è quindi inefficiente.

"Il popolo non è sovrano"

L'iniziativa popolare consente ai cittadini svizzeri di modificare la Costituzione federale.
A quel punto la palla è quindi nel campo del parlamento. Quest'ultimo elabora leggi in modo da attuare il nuovo articolo costituzionale. Per fare ciò il legislatore ha un certo margine di manovra. Le due camere federali possono usare questo margine di manovra per attuare un'iniziativa popolare in una forma leggermente diversa e annacquare quella fornita dal testo. Se il parlamento usa il margine di manovra concesso, gli iniziativisti parlano rapidamente di "diluizione" o "disprezzo della volontà popolare".
Questo spazio di manovra, secondo il professore di diritto costituzionale all'Università di Berna Markus Müller, sarebbe positivo. Garantisce l'equilibrio dei poteri politici. Secondo Müller, il popolo non è sovrano, come sarebbe previsto dalla costituzione, ma in verità è solo un attore come gli altri.

Guarda anche 

Moschee in Svizzera, un musulmano denuncia una radicalizzazione insidiosa

È una testimonianza interessante quella che riporta oggi “Le Temps”, dove un tunisino, musulmano credente, residente a Losanna denuncia un clima di rad...
17.12.2018
Svizzera

Preferenza indigena... per frontalieri, esplode il numero di lavoratori residenti all'estero iscritti agli uffici di collocamento

La legge che dovrebbe mettere in pratica la preferenza indigena votata accolta dal popolo svizzero il 9 febbraio 2014 è entrata in vigore in Svizzera il 1 ° lu...
17.12.2018
Svizzera

Discretamente, il Toblerone è diventato un prodotto halal

Il Toblerone è un prodotto certificato halal dall'aprile del 2018. Il suo proprietario, il gruppo alimentare statunitense Mondelez, ha ottenuto la certificazio...
17.12.2018
Svizzera

Il Consiglio federale non vuole che il popolo si esprima sul Patto ONU per la migrazione

Il Consiglio federale ha deciso venerdì di presentare al Parlamento il patto per la migrazione delle Nazioni Unite. Tuttavia, non vuole che il testo venga sottopos...
17.12.2018
Svizzera