Ticino, 23 settembre 2018

La scuola che NON verrà

Malgrado la massiccia propaganda di regime, la mobilitazione delle truppe cammellate, la stampa schierata, il clima alla "No Billag", ... la maggior parte dei ticinesi ha respinto la riforma ideologica "la scuola che verrà". Se il comitato referendario di quattro gatti l’ha spuntata, vuol dire che gli argomenti dei contrari alla riforma non erano, come arrogantemente dichiarato dal capo dipartimento, “bufale e disfattismo”.
I ticinesi hanno detto NO ad una scuola non svizzera, NO al livellamento verso il basso, NO a modelli stranieri fallimentari, NO ad un costosissimo piano occupazionale per docenti frontalieri, NO all’ugualitarismo spinto, NO ad una sperimentazione che non sarebbe stata affatto tale bensì l’inizio della riforma.

Dire NO a questa riforma sbagliata non significa dire no a qualsiasi riforma. Dichiarare che dopo il voto di oggi la scuola ticinese è destinata a rimanere nei secoli così com’è oggi, suona come una ripicca all’indirizzo del popolazzo che ha osato votare “sbagliato”. Della serie: o votate come dico io, oppure siete delle capre, e quindi... cavoli vostri! Tipico atteggiamento della gauche-caviar. Manca solo di sentire che "bisogna rifare la votazione"...

Ovviamente le nuove proposte dovranno tenere conto del responso odierno! Quindi, se per caso il compagno capodipartimento ed i suoi burocrati hanno in mente di far rientrare dalla finestra, magari con la tattica del salame, quello che è uscito dalla porta, faranno bene a levarselo subito dalla testa.

Lorenzo Quadri

Guarda anche 

Lugano, tanti rammarichi e qualche graffio. L’Ambrì pur soffrendo vola

LUGANO – E ora la classifica, anche se siamo solamente alla fine del primo turno di regular season e di hockey ce n’è ancora tanto da giocare, inizia a...
20.10.2018
Sport

Dalla foto-polemica con Macron al carcere per violenza e stupefacenti

Uno dei due giovani ripresi in una foto scattata alla fine di settembre con Emmanuel Macron a Orléans, è stato condannato ieri a otto mesi di carcere, quatt...
20.10.2018
Mondo

Usa, la sinistra picchia duro: botte a chi sostiene Trump

Negli Stati Uniti si aggira uno spettro inquietante: è quello della “guerra civile”. Esagerazione? A giudicare dagli innumerevoli e...
19.10.2018
Mondo

Partecipa a un programma caritatevole e assume nove rifugiati siriani, dopo una settimana di lavoro non si presentano più

Partecipa a un programma caritatevole avente l'obiettivo di integrare i rifugiati nel mercato del lavoro ma la sua iniziativa finisce in un calvario economico e buroc...
19.10.2018
Mondo