Svizzera, 23 settembre 2018

San Gallo come il Ticino: accolto il divieto del burqa

Il canton San Gallo diventa il secondo cantone, dopo il Ticino, a vietare il burqa. Gli elettori hanno chiaramente approvato domenica con il 66,65% di sì una legge che rende punibile chiunque dissimuli il viso nello spazio pubblico.

I cittadini hanno confermato la modifica della legge sui biglietti che il parlamento ha approvato in senso stretto lo scorso novembre con 57 voti contro 55. La partecipazione è stata del 35,82%.

La legge era sostenuta dall'UDC e dal PPD ed era combattuta dalla sinsitra e dal PLR. A lanciare il referendum erano state le sezioni giovanili dei socialisti, dei verdi e dei liberali.
Per i sostenitori del divieto, "spetta alla nostra cultura e ai nostri valori essere in grado di guardarsi l'un l'altro", si poteva leggere nella brochure di voto.

Il Consiglio di Stato si era opposto al testo, sostenendo invano che tale divieto pregiudichi i diritti fondamentali senza che vi sia alcun interesse pubblico.

Gli oppositori hanno anche denunciato una legge inutile, dal momento che virtualmente non ci sono donne che indossano il burqa a San Gallo. Nelcantone era già in vigore il divieto di dissimulare il viso per gli eventi soggetti ad autorizzazione e ad altri eventi sportivi.

Il tema è anche rilevante a livello nazionale. L'iniziativa "Sì al divieto di dissimulazione del viso", lanciata dal Comitato di Egerkingen, è formalmente riuscita lo scorso ottobre. Il testo anti-burqa afferma che nessuno dovrebbe avere il diritto di dissimulare il viso nello spazio pubblico in Svizzera.

Il Consiglio federale si oppone al divieto del burqa a livello federale e respinge questa iniziativa, perchè attacca una pratica che rimane marginale e invade l'autonomia dei cantoni.
A giugno, il governo ha messo in consultazione un progetto più flessibile. Intende punire colui che costringe una donna a nascondere la sua faccia, rafforzando nel contempo l'obbligo di rimuovere il suo velo in determinate situazioni, come quando è necessaria un'identificazione visiva.

Guarda anche 

Moschee in Svizzera, un musulmano denuncia una radicalizzazione insidiosa

È una testimonianza interessante quella che riporta oggi “Le Temps”, dove un tunisino, musulmano credente, residente a Losanna denuncia un clima di rad...
17.12.2018
Svizzera

Preferenza indigena... per frontalieri, esplode il numero di lavoratori residenti all'estero iscritti agli uffici di collocamento

La legge che dovrebbe mettere in pratica la preferenza indigena votata accolta dal popolo svizzero il 9 febbraio 2014 è entrata in vigore in Svizzera il 1 ° lu...
17.12.2018
Svizzera

Discretamente, il Toblerone è diventato un prodotto halal

Il Toblerone è un prodotto certificato halal dall'aprile del 2018. Il suo proprietario, il gruppo alimentare statunitense Mondelez, ha ottenuto la certificazio...
17.12.2018
Svizzera

Il Consiglio federale non vuole che il popolo si esprima sul Patto ONU per la migrazione

Il Consiglio federale ha deciso venerdì di presentare al Parlamento il patto per la migrazione delle Nazioni Unite. Tuttavia, non vuole che il testo venga sottopos...
17.12.2018
Svizzera