Mondo, 18 settembre 2018

Al pranzo del Papa i migranti clandestini non possono partecipare "per motivi di sicurezza"

Nonostante Papa Bergoglio si sia sempre professato per l'accoglienza dei migranti e per l'immigrazione illimita, « dimenticandosi » allo stesso tempo dei problemi di sicurezza e di integrazione che ciò comporta, non sembra mettere in pratica le sue stesse parole quando gli stessi migranti si trovano davanti all'uscio di casa sua. Come riporta il portale italiano ilmessaggero, per lo stesso Papa che tempo fa ha affermato che "respingere i migranti è un atto di guerra" è stato deciso che le persone sprovviste di documenti non avrebbero potuto mangiare con il Papa nel centro gestito dal frate Biagio Conte, a Palermo.

All'evento, tenutosi sabato scorso, a molti migranti sarebbe stato vietato l'accesso in quanto sprovvisti di qualsiasi documento di riconoscimento per "ragioni legate alla sicurezza". La tavolata ha comunque potuto ospitare circa 150 ospiti a cui sono stati serviti cotoletta panata e caponata e al termine del pranzo un migrante tunisino, si presume provvisto di documenti, ha donato al Papa una piccola barca costruita con materiale riciclato quale simbolo dei viaggi nel Meditteraneo di tanti migranti. Che cosa abbiano fatto invece i migranti sprovvisti di documenti mentre il centro era per loro chiuso a causa della presenza del Papa non è dato sapere.


Guarda anche 

Effetto Salvini: Meditteraneo libero da ONG e sbarchi a minimi storici

Negli scorsi anni di navi di ONG che "pattugliavano" il mar meditteraneo cercando migranti da trasportare in Europa c'è n'erano parecchie. C'...
18.10.2018
Mondo

Profondo nero Italia: “Siamo peggio dell’anno scorso”

CHORZOW (Polonia) – Domenica l’Italia sfiderà la Polonia in quella che rappresenta la partita decisiva nel loro girone di Nations League: se gli Azzurr...
13.10.2018
Sport

Sull'"isola dei migranti" distruggono una croce cristiana perchè offensiva per i musulmani presenti

L'antica isola mitica di Lesbo è oggi meglio conosciuta come uno dei principali punti di approdo per i trafficanti di esseri umani e per i problemi e i conflit...
13.10.2018
Mondo

Giovani chiusi in casa volontariamente: il fenomeno dell’Hikikomori

LUGANO – Non escono di casa, ma amano gli eroi che devono compiere delle missioni, si sentono superiori ma non sanno gestire le emozioni: sono gli Hikikomori, ovver...
13.10.2018
Magazine