Ticino, 17 settembre 2018

Una dolce “tavolozza” colora di gusto Lugano

Dopo la miglior birra, Lugano Città del Gusto ha premiato anche il miglior dessert al piatto. Un primo week end all’insegna di concorsi in onore di specialità locali

Si chiama “Tavolozza” il dolce che oggi ha conquistato i giudici della seconda edizione del “Concorso Dessert al piatto”, che quest’anno è stato organizzato in collaborazione con Lugano Città del Gusto. Lo splendido, oltre che buonissimo, piatto è stato scelto tra quelli dei dieci finalisti che si sono dati battaglia tra i fornelli del Palazzo dei Congressi.

Se anche l’occhio vuole la sua parte, l’opera di Elisabetta Fogli, pasticceria italiana, ha giocato anche con la componente artistica della pasticceria, che sempre più spesso oggi sforna piccole opere d’arte. A sfilare davanti ai giurati armati di buon appetito, tantissimi ingredienti che hanno reso omaggio al tema del concorso: Lugano, città del gusto. Ecco che, tra sfoglie e bavaresi, hanno fatto capolino ingredienti come il Merlot, le castagne, il nocino, il pane della Valle Maggia.

Tra i partecipanti c’è stato anche chi ha interpretato la propria creazione come una dichiarazione d’amore al nostro territorio: da una parte i cantucci si sono trasformati magicamente nei Denti della Vecchia, ricordando lo skyline prealpino, dall’altra c’è stato chi addirittura ha ricostruito una barchetta con cioccolato e l’ha lasciata galleggiare in un lago di salsa al tè blu: Nicola Contartese, pasticcere al Ristorante Galleria Artè al Lago di Lugano, a cui l’idea geniale è valsa il secondo posto. Terzo classificato, Paolo Campani, con un dessert altrettanto spettacolare realizzato con un piccolo “nido” di fili di caramello.  

Compito arduo e allo stesso tempo invidiabile, quello della giuria, composta da François Stahl, chef chocolatier, Raffaella Biffy, animatrice radiofonica, Gianmarco Torriani, scultore, Christian Frapolli, cuoco, e Mattia Sacchi, giornalista. A presentare la dolcissima maratona non poteva che essere Giuseppe Piffaretti, in arte Mastro Piff, tra i rappresentanti della categoria più amati dal pubblico ticinese. 

Insomma, nel bilancio di questi primi tre giorni di Lugano come capitale nazionale dell’enogastronomia si contano tante “specialità della casa” condite con estro e notevole fantasia. 


Tutte le info su www.luganocittadelgusto.ch 

Guarda anche 

Lugano, tanti rammarichi e qualche graffio. L’Ambrì pur soffrendo vola

LUGANO – E ora la classifica, anche se siamo solamente alla fine del primo turno di regular season e di hockey ce n’è ancora tanto da giocare, inizia a...
20.10.2018
Sport

Frölunda-Lugano: ecco l’ottavo di finale di Champions Hockey League

LUGANO – Sarà un ottavo molto interessante e complicato quello che attende il Lugano in Champions Hockey League: i bianconeri sono infatti stati sorteggiati ...
19.10.2018
Sport

Fuchs: “Battere il Lugano ci darebbe una soddisfazione dopo la semifinale persa. L’Ambrì? Partì bene anche l’anno scorso…”

BIENNE – 2 gol e 4 assist nelle prime 11 giornate di campionato, il suo Bienne guida la graduatoria della regular season di LNA e, nonostante gli ultimi due KO inca...
19.10.2018
Sport

JYP-Lugano: i top e il flop! Elvis balla e para, il boxplay è da top

JYVÄSJYLÄ (Finlandia) – Pensando soltanto a dove si trovava il Lugano dopo le prime due partite, ma anche quattro, del Gruppo H di Champions Hockey L...
17.10.2018
Sport