Mondo, 16 settembre 2018

Prime elezioni in Siria dall'inizio della guerra

rt.com
I siriani eleggono oggi i loro rappresentanti locali in quelle che sono le prime elezioni municipali dall'inizio della lunga guerra durata sette anni. I seggi sono stati aperti domenica in un clima comunque ancora teso un giorno dopo che un aereo ha colpito l'aeroporto di Damasco.

Domenica 6 mattina sono stati aperti 6'551 seggi elettorali con i siriani invitati a votare per i loro rappresentanti nei consigli locali, ha riferito l'agenzia di stampa statale SANA. Sono stati annunciati oltre 40'000 candidati che si contestano 18'478 seggi. I seggi saranno chiusi alle 19:00 ora locale e le autorità hanno dichiarato di aver preso tutte le precauzioni necessarie per mantenere le urne sicure e protette.

Ma non tutto il paese è ancora avviato verso la normalizzazione. Come a Idlib, dove l'esercito siriano è impegnato in un'offensiva alla roccaforte dei militanti islamici. In precedenza, il ministero della Difesa russo aveva sostenuto che contenitori pieni di cloro fossero stati consegnati a combattenti affiliati ad Al-Qaeda per inscenare un attacco che sarebbe stato usato per accusare il governo siriano di usare armi chimiche contro il suo popolo.

Tuttavia, gli sforzi per portare una pace duratura in Siria continuano ancora. Di recente, Russia, Turchia e Iran hanno invitato tutti i gruppi armati di Idlib e oltre a deporre le armi e cercare una transizione pacifica nel paese. I leader delle tre nazioni si sono già incontrati ad Astana a maggio, dove hanno concordato di spingere per negoziati tra il governo e i gruppi di opposizione, che accettano di cessare le ostilità.

Il formato ha riunito rappresentanti del governo siriano e gruppi armati di opposizione al tavolo dei negoziati - qualcosa che i precedenti sforzi della comunità internazionale non erano riusciti a fare.

Oltre agli sforzi diplomatici, la Russia è attivamente impegnata in attività umanitarie in Siria. Il personale militare russo ha disinnescato migliaia di ordigni esplosivi lasciati dai terroristi e portato tonnellate di aiuti tanto necessari alle province siriane liberati dai terroristi.

(Fonte: rt.com)

Guarda anche 

Guerra guarda avanti: “Fatto un mezzo step, per parlare di crescita… aspettiamo il weekend”

AMBRÌ – 5 KO consecutivi posson bastare: l’Ambrì ha rialzato la testa e ieri sera ha battuto per 2-1 il Lugano, dopo i rigori, nel derby giocato...
14.11.2018
Sport

100 anni fa finiva la prima guerra mondiale, cronologia degli ultimi giorni di un conflitto che ha cambiato la storia

L'11 novembre 1918, alle 11, suonò il cessate il fuoco della Prima Guerra Mondiale. Uno sguardo ai giorni precedenti allo storico armistizio che pose fine a qu...
11.11.2018
Mondo

Elezioni USA: Senato ai repubblicani e testa a testa alla camera, Trump canta vittoria

Election day ieri negli Stati Uniti dove si votava per rinnovare il parlamento USA. Lo spoglio è ancora in corso ma ci sono già diversi verdetti, il pi&ugra...
07.11.2018
Mondo

Elezioni europee: Le Pen supera Macron nelle intenzioni di voto, vola destra anti-UE

In un ulteriore segnale dell'ascesa della destra nazionalista e euroscettica sul continente europeo, il Rassemblement National (RN) di Marine Le Pen ha sorpassato La ...
05.11.2018
Mondo