Mondo, 14 settembre 2018

In Germania è (ancora) crisi nera, governo vicino alla fine?

Chemnitz, Chemnitz e ancora Chemnitz. L'onda lunga delle massicce manifestazioni che si sono tenute nella Germania orientale due settimane fa continuano a tenere banco in Germania e hanno scatenato ormai un'altra crisi di governo. Al centro di questa nuova crisi c'è Hans-Georg Maassen (nella foto a sinistra, insieme al ministro dell'Interno Horst Seehofer), il capo dei servizi d'informazione tedesco, accusato da ambienti di sinistra e vicini a Angela Merkel di aver minimizzato le violenze dei manifestanti e di aver trasmesso al partito di opposizione di destra AfD informazioni confidenziali. Accuse che Massen ha prontamente respinto.

"Merkel deve agire"

Il caso arriva ore dopo che il superiore diretto di Massen, il ministro dell'Interno Horst Seehofer, da mesi in conflitto con la Cancelliere, ha pubblicamente rinnovato la sua fiducia.

Una decisione scioccante per i socialdemocratici che chiedono a Angela Merkel il suo licenziamento.

"Per la dirigenza del SPD, è assolutamente chiaro che bisogna agire, Merkel deve agire ora", ha detto il segretario del partito Lars Klingbeil.

SPD pronto a lasciare ?

Questo caso potrebbe quindi destabilizzare il fragile governo di coalizione formato a marzo dopo sei mesi di negoziati e che era gi à quasi crollato all'inizio dell'estate a causa di un conflitto tra Merkel e Seehofer.

L'SPD, uno dei grandi perdenti alle ultime elezioni e ancora impegnato a risollevare la testa nei sondaggi che lo vedono ormai alla pari, se non sotto, a AfD, potrebbe utilizzare il caso del capo dell'intelligence tedesca come un "casus belli" per far cadere il governo a cui aveva fatto parte dopo travagliate negoziazioni e resistenze interne.

Guarda anche 

Milionario ospita un migrante a casa sua, qualche mese dopo viene ritrovato morto

Il milionario tedesco Michael R (nella foto)., descritto come una una persona sensibile alla questione dell'asilo e ai problemi dei migranti, è stato ritrovato...
18.11.2018
Mondo

"Il patto ONU per la migrazione è il primo passo per far diventare l'immigrazione un diritto dell'uomo"

Il dottor Alexander Gauland (nella foto), un parlamentare tedesco del partito AfD, in un discorso davanti al parlamento tedesco spiega le sue obiezioni alla prospettiva c...
17.11.2018
Mondo

Richiedenti l'asilo di un singolo centro d'accoglienza responsabili di 1265 crimini in nove mesi

Su richiesta di André Wendt, un membro del parlamento sassone nelle fila del partito AFD, il ministro dell'interno di Sassonia Roland Wöller della CDU, ha...
08.11.2018
Mondo

La fine di Angela Merkel, un terremoto che colpirà l'Europa

La fine dell’era di Angela Merkel pone una serie di interrogativi non solo per il futuro della Germania, ma anche dell’Unione europea. Da quando &eg...
01.11.2018
Mondo