Mondo, 04 settembre 2018

Come la Cina sta conquistando l'Africa (mentre gli altri stanno a guardare)

kommersant.ru
I leader di quasi tutta l'Africa (oltre 50 stati) si sono recati a Pechino per partecipare al nuovo Forum di cooperazione Africa-Cina il 3-4 settembre. Ogni forum è una festa delle statistiche che è difficile da raccogliere in tempi normali, scrive lunedì il portale russo Kommersant. Da tempo, i media africani invitano gli ambasciatori cinesi in vari paesi africani elencando tutti i risultati della Cina nello sviluppo globale del continente. E il record di Pechino è più che impressionante. Eccone alcuni esempi.

A Gibuti, un piccolo paese nel Corno d'Africa, in luglio è stata aperta una zona di libero scambio internazionale - 48 km quadrati di fabbriche, negozi al dettaglio esentasse, magazzini e banche. In Ghana, la specialità di Pechino è l'educazione. Attualmente, in Cina ci sono 6'500 studenti ghanesi, più di ogni altro paese del continente insieme, tra cui 1'076 attraverso una sovvenzione governativa cinese. Nel paese stesso, la Cina sta creando un settore educativo guidato da diverse università. In Guinea, la situazione è diversa. I cinesi sono venuti qui per combattere l'epidemia di Ebola nel 2014-2015. Non si trattava solo di inviare medicine e aiuti: medici e altri specialisti cinesi vi risiedono e ci lavorano, anche a rischio della loro vita. Poi si è scoperto che su 10'000 villaggi africani in cui la Cina si era impegnata a installare la televisione satellitare, 333 erano guineani. E poiché la televisione ha bisogno, tra le altre cose, di elettricità, sembra del tutto naturale che la diga di Kaleta, vicino alla capitale Conakry, è stata costruita dai cinesi. Ci sono anche grandi centrali cinesi, ad esempio a Karuma, in Uganda, con una capacità di 4 miliardi di kW all'anno, che, oltre all'elettricità, forniscono 200 milioni di dollari all'anno al governo e forniscono lavoro a 6'000 persone. - aiutati da alcuni specialisti cinesi.

Ci sono più di 50 paesi in Africa e in quasi tutti i cinesi hanno implementato qualcosa. Ma anche i casi citati consentono già di comprendere la situazione generale.

Pechino presenterà i piani di sviluppo continentale al suo forum. Va notato che la Cina aiuta costantemente qualcuno in Africa e che l'intero sistema genera profitti per ambo le parti, inclusa la Cina.

In breve, la Cina ha fornito aiuti all'Africa per 75 miliardi di dollari e ha investito quasi 100 miliardi di dollari - più di chiunque altro. Allo stesso tempo, vediamo che dal 2009 il gigante asiatico è il principale partner dei paesi africani nel settore commerciale, il cui volume sta per superare i 200 miliardi di dollari annui. Grazie agli investimenti cinesi in Africa, vengono costruiti 100 parchi industriali per automobili, camion, frigoriferi, televisori e così via. In altre parole: tutto ciò che potrebbe finanziare il credito cinese. Un processo lento ma graduale in cui gli altri attori del mondo, in primis l'Europa affacciata al continente nero, sembrano stare a guardare.

Guarda anche 

GALLERY – 20'000'000 di Euro l’anno posson bastare a Hulk… per regalarsi un jet!

SHANGHAI (Cina) – Givanildo Vieira dei Souza, in arte Hulk, si è fatto un regalino molto particolare, dopo aver vinto la Super League cinese con la maglia de...
17.11.2018
Sport

Dentro il crimine sudafricano: La storia di Hannah, studentenssa rapita, violentata e brutalmente uccisa

In Sudafrica ogni giorno ci sono 54 omicidi, 110 stupri e 45 persone vengono rapinate mentre si trovano dentro i propri veicoli ciò che lo rende uno dei paesi con ...
19.10.2018
Mondo

L'attivista africano: "L'èlite globalista vuole togliere all'Africa i suoi giovani, per questo l'Italia deve chiudere le sue frontiere"

Mohamed Konare è un attivista africano e capo del nascente "Movimento panafricano", un gruppo che ha come obiettivo, citiamo, di "liberare definitiv...
14.10.2018
Mondo

Il grande fratello della Cina comunista che controllerà un miliardo e mezzo di persone

Quello che può sembrare una visione distopica e orwelliana del futuro è già realtà nella Cina comunista. Si tratta di un sistema informatico c...
25.09.2018
Mondo