Sport, 23 agosto 2018

“La religione non è un criterio per acquisire giocatori”: a Gerusalemme strade aperte agli arabi

Questa la decisione presa dal presidente del Beitar Jerusalem

GERUSALEMME (Israele) – Hogeg Moshe, proprietario del Beitar Jerusalem, squadra di calcio israeliana, da sempre noto per gli eccessi anti-arabi dei suoi sostenitori, ha deciso di andare contro questa presa di posizione affermando che “ il Beitar non è un club razzista e che la religione non è più un
criterio per il reclutamento dei giocatori”, facendo intendere che potrebbe acquistare giocatori arabi.

Il Beitar Jerusalem, squadra di spicco del calcio israeliano, ha la sue radici nella storia della destra nazionalista israeliana e non ha mai ingaggiato giocatori della comunità araba israeliana, che rappresenta il 17,5% della popolazione.

"Reclutare un giocatore unicamente perché è arabo sarebbe anche una forma di razzismo", ha detto Moshe Hogeg.

Guarda anche 

Riecco Zeman: il boemo torna in panchina?

FOGGIA (Italia) – Dopo l’esperienza luganese, durante la quale aveva salvato i bianconeri al loro primo anno in Super League, disputando anche una finale di C...
10.12.2018
Sport

Svolta nella morte di Astori: indagine per omicidio colposo

FIRENZE (Italia) – Svolta improvvisa e forse inaspettata per quanto riguarda la morte di Davide Astori, venuto a mancare lo scorso 4 marzo in un hotel di Udine, men...
10.12.2018
Sport

Lugano, parla capitan Sabbatini: “Dobbiamo pedalare, questi errori toccano il fattore mentale”

LUGANO – È sembrato di assistere a un film già visto ieri pomeriggio a Cornaredo: il Lugano gioca, a tratti domina, si crea un’infinità d...
10.12.2018
Sport

Celestini: “I nostri sforzi non vengono premiati! Le ammonizioni? Non mi sento tutelato dagli arbitri”

LUGANO – Ancora un nulla di fatto, ancora un pareggio, ancora un 2-2 casalingo che ha mascherato una buona prestazione: il Lugano in questo momento, pur giocando be...
09.12.2018
Sport