Svizzera, 22 agosto 2018

Anche a Basilea una folla attacca i soccorsi

L'indignazione è grande, da quando sabato scorso sul lungolago di Zurigo circa 200-300 persone hanno attaccato le pattuglie di polizia e i paramedici giunti sul posto dopo un accoltellamento in cui erano rimaste ferite tre persone. Ora si scopre che l'incidente non è stato l'unico del suo genere quella sera.


Solo poche ore prima delle rivolte a Zurigo, un'ambulanza viene attaccata durante un'operazione a Kleinhüningen, nel nord di Basilea. Come scrive il quotidiano basilese baz, i servizi di emergenza non sarebbero nemmeno arrivati ​​al paziente perché sono stati attccati da una folla presente.
L'attacco è avvenuto sabato sera nell'ambito dell'electro festival "Jungle Street Groove" nel porto di Kleinhüningen. La squadra di soccorso della Croce Rossa tedesca ha richiesto il sostegno di Weil am Rhein (D) per occuparsi di un uomo sul posto. Nonostante le sirene spiegate, tuttavia, l'auto dell'ospedale fin dall'inizio attraversa a malapena la folla.


"C'era un gran numero di persone sul campo il cui umore deve essere descritto come disinibito", spiega Toprak Yerguz, portavoce del Dipartimento di Giustizia e Sicurezza di Basilea. Ad un certo punto la folla inizia a scuotere l'ambulanza. Yerguz ha proseguito: "di fronte all'ambulanza la gente ha tirato giù i pantaloni e ha mostrato agli operatori di emergenza il sedere nudo, altri hanno aperto le porte dall'esterno".


Alla fine i paramedici tedeschi non hanno avuto altra scelta che avvisare la polizia. Solo con il loro aiuto, i paramedici hanno potuto continuare con la loro operazione di soccorso. In questo caso, il ritardo non ha avuto conseguenze gravi per il paziente, continua Toprak Yerguz. Ma ora parla anche di problemi crescenti nelle operazioni delle squadre di soccorso. "In generale si può dire che il rispetto per i servizi di emergenza è diminuito."


A Zurigo, si registrano le prime reazioni dopo gli incidenti dello scorso sabato. La consigliera comunaleKarin Rykart (Verdi) vuole fare un passo avanti in parlamento questo autunno, rendendo Bodycams parte integrante dell'attrezzatura delle task force. Gli autori dei reati dovrebbero così essere meglio identificati in futuro.

Guarda anche 

Rissa in centro a Winterthur, giovane accoltellato e due arresti

Una rissa è scoppiata venerdì sera tra diversi uomini nel centro di Winterthur. Un 23enne svizzero è stato ricoverato a causa di ferite da taglio e d...
19.01.2019
Svizzera

Il terrorista Baragiola rompe il silenzio: "Pronto all'ergastolo se l'Italia dovesse chiederlo"

In un'intervista pubblicata oggi dal portale Ticinonline l'ex brigatista Alvaro Baragiola rompe il silenzio a proposito della sua latitanza e si dice pronto a sco...
18.01.2019
Svizzera

L'UDC chiede un codice penale più severo, chi commette crimini violenti deve finire in carcere

Delinquenti e criminali violenti non dovrebbero più essere in grado di sfuggire alla prigione. L'UDC reclama sanzioni più di quelle proposte dal Consigl...
18.01.2019
Svizzera

Accordo quadro, "l'Unione europea sta perdendo la pazienza"

"L'UE sta diventando impaziente riguardo all'accordo quadro con la Svizzera e aumenta la pressione sulla Svizzera" titolavano ieri diversi media svizzer...
18.01.2019
Svizzera