Mondo, 22 agosto 2018

Il governo sudafricano ha cominciato a espropriare i terreni dei bianchi

Secondo quanto riferito da più fonti, le autorità sudafricane hanno iniziato a sequestrare terreni di proprietà di bianchi dopo che le trattative per il loro acquisto hanno raggiunto un punto morto. I primi sequestri stanno prendendo di mira allevamenti di selvaggina nella provincia settentrionale del Limpopo.
Il governo ha cercato di acquistare le terre di proprietà di Akkerland Boerdery Ventures per un decimo del valore del tereno, riporta City Press, un emittente televisiva di Johannesburg. L'azienda, che gestisce un allevamento di 3200 ettari (32 chilometri quadrati), avrebbe chiesto 200 milioni di rand (quasi 14 milioni di dollari) per la terra, mentre il governo era disposto a offrire loro solo 20 milioni di rand.


"Si informa che è previsto un controllo del terreno nelle aziende agricole il 5 aprile 2018 alle 10 del mattino al fine di condurre una verifica dei beni e una consegna delle chiavi della fattoria allo stato", si legge nella lettera ricevuta da Akkerland Boerdery all'inizio di quest'anno.
I proprietari terrieri cercarono immediatamente di ottenere un'ingiunzione per impedire l'esproprio fino a quando un tribunale non si fosse pronunciato sulla questione. Tuttavia, il Dipartimento per lo sviluppo rurale e gli affari di terra ha rifiutato la domanda.


"Ciò che rende unico il caso Akkerland è che a quanto pare non è stata data loro l'opportunità di contestare in prima istanza il ricorso in tribunale, come richiesto dalla legge", ha detto ai media la portavoce dell'associazione AgriSA dell'industria agricola.
Finora, l'African National Congress (ANC) al governo non ha rivelato i dettagli delle fattorie che sono state prese di mira e ha tentato di calmare le paure degli investitori. I sequestri proposti erano "legati alle ingiustizie del passato", secondo l'ANC.
"Col tempo, penso che i mercati e gli investitori apprezzeranno che ciò che stiamo facendo è creare certezza politica e creare le condizioni per futuri investimenti", ha affermato il portavoce dell'ANC secondo quanto riportato dai media.


Il Sud Africa è attualmente oggetto di una controversa riforma agraria, proposta dall'ANC e condotta dal presidente Cyril Ramaphosa (nella foto). La misura consiste nel togliere terrenni di proprietà di contadini bianchi e distribuirla a cittadini neri del paese e ha suscitato un certo oltraggio internazionale con esperti che si aspettavano che il clima degli investimenti e il settore agricolo ne soffrissero.
"Non dovresti possedere più di 25.000 acri di terra. Se ne possiedi di più, dovrebbe essere preso senza compensazione ", aveva detto il presidente dell'ANC, Gwede Mantashe, la scorsa settimana, scatenando il panico tra la comunità agricola.

Guarda anche 

Dentro il crimine sudafricano: La storia di Hannah, studentenssa rapita, violentata e brutalmente uccisa

In Sudafrica ogni giorno ci sono 54 omicidi, 110 stupri e 45 persone vengono rapinate mentre si trovano dentro i propri veicoli ciò che lo rende uno dei paesi con ...
19.10.2018
Mondo

Persecuzione dei bianchi in Sudafrica, scende in campo Donald Trump

La persecuzione della minoranza bianca in Sudafrica ha raggiunto un nuovo livello di intensità nelle scorse settimane con la decisione del governo sudafricano di p...
23.08.2018
Mondo

La Russia apre le porte ai sudafricani bianchi perseguitati

Le pagine dei giornali europei sono occupate costantemente dall’arrivo di presunti rifugiati africani, che molto spesso si rivelano essere solamente migranti eco...
11.07.2018
Mondo

Il Sudafrica dichiara guerra ai bianchi

In un contesto di crescenti violenze nei confronti della minoranza bianca, e nel silenzio quasi totale dei media e della comunità internazionale, il parlamento sud...
23.06.2018
Mondo