Ticino, 21 agosto 2018

Lega: "Casinò di Campione: debiti e costi causati dal fallimento non ricadano sui ticinesi"

Comunicato stampa della Lega dei Ticinesi sulla situazione di Campione d'Italia. "I Comuni e il Canton Ticino non vedono 1 franco da Campione da 10 anni!"

La Lega dei Ticinesi esprime la sua solidarietà verso i lavoratori campionesi – tanti di questi di nazionalità elvetica - che hanno perso il lavoro. La gestione sconsiderata del Casinò come quella del Comune di Campione hanno inevitabilmente portato da una situazione drammatica. Una situazione che potrebbe costare all`ente pubblico ticinese – e quindi al solito sfigato contribuente – oltre 10 milioni di franchi.

Ma la colpa di chi è?
Che in prima linea ci siano gli amministratori dell`enclave italiana non c`è dubbio, ma oggi i ticinesi si troveranno a dover pagare la disoccupazione dei circa 160 dipendenti del Casinò di Campione residenti in Ticino. Lo scandalo è che questi lavoratori in Ticino, ormai da anni, non pagano nemmeno 1 franco di imposte ai Comuni.

Almeno dal 2011 si aspetta una soluzione
Fino ad una decina di anni fa, Campione  versava un forfait a Cantone e Comuni per ogni nucleo famigliare residente. Da Campione arrivavano dunque in Ticino almeno 5mila chf per ogni nucleo familiare e rispettivamente 1500 franchi per persona singola. Con l`introduzione della libera circolazione tutto questo è venuto a cadere (mentre i ristorni che il Ticino riversa all`Italia, ovviamente no...).
Nel 2011 i comuni che avevano residenti campionesi hanno incontrato il Cancelliere PLR Gianella, chiedendo che la formula di ristorno venisse reintrodotta, «a ga pensi mi» furono le sue parole...probabilmente ci ha pensato troppo...nel 2018 i comuni ticinesi non vedono ancora un franco. Ma la responsabilità di chi è?

E i debiti di Campione  verso Lugano e il Ticino chi li paga?
Ad aggravare il tutto c`è pure il fatto che il comune italiano ha diversi debiti nei confronti delle istituzioni pubbliche. A giungno 2018, Campione presentava quale situazione debitoria nei confronti  del  Cantone,  del  Comune  di Lugano  e  dei  vari enti prestatori  di  servizi, degli arretrati complessivi stimati  a  oltre 3.2 milioni di franchi. Ad oggi si sono aggiunte fatture scoperte anche nei confronti del Comune di Melide e di aziende private.

Soluzione? Blocchiamo i ristorni, almeno per tutti i debiti campionesi
La soluzione è semplice e limpida, che nessun triciclo PLR-PS-PPD provi a ostacolarla: DETRARRE dai ristorni i debiti che Campione d`Italia ha verso il Ticino, DETRARRE la medesima percentuale di ristorni (che l`Italia ci chiede per i frontalieri) dalle imposte dei campionesi residenti sul nostro territorio e DETRARRE gli stessi accumulati che negli ultimi 10 anni non sono stati versati!
Nel mentre, il Ministo degli esteri PLR Cassis, insieme al CdS direttore delle finanze PLR Vitta e al nuovo Cancelliere PLR subentrato all`ex Cancelliere PLR si diano una mossa a rinegoziare gli accordi con l`enclave italiana e con Roma!

Lega dei Ticinesi

Guarda anche 

Per il CF i dipendenti del Casinò di Campione hanno diritto alla disoccupazione, Quadri: "Regali a chi non ha mai pagato, ma non finisce qui"

Il Consiglio federale non intende intervenire presso la Segreteria di Stato dell'economia (SECO) per annullare il versamento delle indennità di disoccupazione ...
08.11.2018
Ticino

Il Belpaese lo ribadisce: Ticino mucca da mungere!

Di recente è stato costituito l’Osservatorio permanente sul lavoro transfrontaliero. Trattandosi di osservatorio transfrontaliero, pare ovvio che i suoi fari...
05.11.2018
Ticino

Penuria di parcheggi fuori Stabio: motivo in più per bloccare i ristorni!

È notizia che i treni della linea Stabio-Arcisate sono semi vuoti a causa della penuria di parcheggi fuori dalla dogana di Stabio in Italia a Gaggiolo. A quanto...
29.10.2018
Opinioni

Asfaltati PLR e PS, i ristorni dei frontalieri restano a casa!

Con una risicata maggiornanza il Gran Consiglio boccia il rapporto di Matteo Quadranti PLR che chiedeva di bocciare la Mozione per bloccare i ristorni dei frontalieri. L...
15.10.2018
Ticino