Mondo, 21 agosto 2018

Dall'inferno della Libia al ritorno in Nigeria, tra illusioni e false promesse

Lo stato di Edo è il territorio della Nigeria da cui centinaia di giovani e vecchi migrano ogni settimana verso diverse rotte migratorie. Per decenni, reti composte da molteplici organizzazioni e persone hanno organizzato e supervisionato il viaggio e, in molti casi, la tratta di esseri umani. Per poco più di un anno, la Nigeria, con l'aiuto dell'Organizzazione Internazionale per l'Immigrazione (IMO), ha noleggiato aerei per facilitare il ritorno dei migranti nigeriani che sono in difficoltà.


All'aeroporto internazionale di Lagos, i passeggeri provenienti dalla Libia stanno diventando impazienti. Sette donne e 153 uomini stanno aspettando in fila in un'area chiusa al pubblico. Di solito, qui ci sono il trasporto merci e i voli postali. Questi rimpatriati indossano un completo di felpa con cappuccio in grigio chiaro, grigio scuro, blu scuro o nero.


Una scatola medica sopra la spalla, Nathaniel Bagadoji indossa un giubbotto giallo fluo. Stasera è il 32 ° volo speciale che accoglie in meno di un anno. "Siamo abituati a questi rimpatri volontari. Sappiamo come si comportano e come possono reagire. E a volte reagiscono violentemente ma sappiamo come parlare con loro. Non è sempre facile da gestire. Ma siamo felici di vedere i nostri compatrioti tornare vivi dalla Libia. "

Nathaniel lavora per lo stato di Edo. Come lui, ci sono anche altri cinque agenti. Membri del servizio contro la tratta di esseri umani, guidano i primi passi in Nigeria di questi rimpatriati volontari.


"È dalle informazioni raccolte su questi tavoli che possiamo aiutarti. È tra le persone i cui nomi saranno sulla lista che le autorità o il vicepresidente sceglieranno le persone che aiuteranno. Quindi se non sei identificato, non sceglieranno te. E quando vengono a reclutare persone da te, puoi star certo che non ne farai parte" dice Nathaniel a uno dei nuovi arrivati, reticente a farsi registrare.


A ciascuno dei 160 migranti è stato assegnato l'equivalente in valuta locale di 100 franchi. A gruppi di 50 entrano nei tre minibus noleggiati dallo stato di Edo, diretti verso la capitale dello stato: Benin.


Situata in questo porto meridionale della Nigeria, Ivie Agbonwaneten è stata sostenuta dal suo ritorno volontario dalla Libia. Ha ottenuto un'indennità che le ha permesso di pagare sei mesi di affitto per un salone di parrucchiere che ha aperto a Benin. Di età intorno ai venti anni, Ivie riceve regolarmente chiamate da suoi conoscenti che sono riusciti ad attraversare il Mediterraneo. Spiega cosa l'ha spinta a iniziare questo viaggio in Europa. "Uno dei miei amici mi ha consigliato a una donna in Europa. Quest'ultima mi ha chiesto di seguire un contrabbandiere, e di non dovermi preoccupare, perché quest'uomo mi avrebbe guidato da lei in Europa. Mi disse che era anche lei parrucchiera e che aveva bisogno di aiuto, e mi assicura che una volta arrivata in Europa mi sarei associato".


Ma rapidamente, il viaggio prende una svolta disastrosa. Ivie racconta la traversata del deserto e il suo calvario libico. "Quando eravamo nel deserto, abbiamo visto dei miliziani che volevano ucciderci. Ma grazie a Dio, ci lasciano andare per la nostra strada dopo averci spogliati di tutto ciò che avevamo che avesse un minimo di valore". "Poi, quando siamo arrivati ​​in Libia, eravamo nella città di Sabha e abbiamo chiesto al contrabbandiere di venire ad aiutarci ad orientarci, ma lui ha rifiutato", continua. Due settimane dopo, siamo stati rapiti mentre eravamo diretti a Bengasi. Ed è così che ho capito che era un inferno. Eravamo circa 450 ... " Ora che è tornata in Nigeria, si sente più al sicuro e si sta riprendendo dall'esperienza in Libia. "Dal mio ritorno in Nigeria, finalmente riesco nuovamente a dormire. In Libia era impossibile chiudere occhio, perché qualsiasi cosa poteva accadere lì. I libici possono arrivare in qualsiasi momento con i loro fucili spianati e e attaccare i presenti. Quindi, è impossibile dormire in Libia. Ma visto che sono in Nigeria, dormo ora di notte. Sono in pace e con lo spirito sereno".


(Fonte e foto: rfi.fr)

Guarda anche 

La gang "più brutale del mondo" si sta insediando alle porte del Ticino

Un gruppo di ragazzi si precipita su un ragazzo di 17 anni. Lo picchiano, gli tirano calci e infine lo pugnalanoe. È gravemente ferito, con il polmone destro perfo...
17.11.2018
Ticino

Milionario ospita un migrante a casa sua, tre mesi dopo viene ritrovato morto

Il milionario tedesco Michael R (nella foto)., descritto come una una persona sensibile alla questione dell'asilo e ai problemi dei migranti, è stato ritrovato...
18.11.2018
Mondo

"Il patto ONU per la migrazione è il primo passo per far diventare l'immigrazione un diritto dell'uomo"

Il dottor Alexander Gauland (nella foto), un parlamentare tedesco del partito AfD, in un discorso davanti al parlamento tedesco spiega le sue obiezioni alla prospettiva c...
17.11.2018
Mondo

Spagna, fugge da un gruppo di migranti e chiama il suo ragazzo, molestata lei e accoltellato lui. 15 arresti

L'episodio è avvenuto verso le sei di domenica scorsa a Santa Coloma de Gramenet, in Catalonia. Come riporta il sito di "El Pais", un gruppo di giova...
16.11.2018
Mondo