Mondo, 16 agosto 2018

Rapita dall'ISIS e venduta come schiava, fugge in Germania dove si ritrova faccia a faccia con l'uomo che l'ha tenuta prigioniera

Una ragazza curda, Ashwaq Ta'lo, è stata rapita nel 2014 da membri dello Stato Islamico (ISIS) che l'hanno poi venduta ad un uomo di Mosul, in Iraq. Qualche mese dopo la ragazza riesce a fuggire e a rifugiarsi in Germania, in una città vicino a Stoccarda. "Sono stata rapita il 3 agosto 2014 e tenuta prigioniera fino al 22 ottobre dello stesso anno quando sono riuscita a liberarmi e fuggire in Germania" racconta, con un tedesco stentato ma perfettamente comprensibile, in un video. "Nel 2016 ho incontrato per strada l'uomo che mi ha venduta. All'inizio ho pensato non fosse possibile che fosse lui". L'uomo sembra non averla vista e per altri due anni la ragazza continua a vivere indisturbata finchè non lo incontra nuovamente. "Poi, nel febbraio del 2018, l'ho rivisto a Schäbisch Gmund, vicino a Stoccarda, dove lui si è avvicinato e mi ha riconosciuto" continua la ragazza "ero paralizzata dalla paura e ho fatto finta di non conoscerlo parlandogli sempre in tedesco". L'uomo però aveva capito che Ashwaq stava fingendo "so chi sei e tu sai chi sono io" le ha detto "so dove abiti e da quanto tempo sei lì, so che abiti là con tua madre e con tuo fratello", arrivando persino a dirle l'indirizzo esatto dove abitava. "Semplicemente sapeva tutto della mia vita da quando sono fuggita" continua a spiegare Ashwaq.

Ancora più inquietante, Ashwaq sostiene che il suo non è un caso isolato "non sono un caso unico, molte donne fuggite negli ultimi anni in Germania hanno poi incontrato nuovamente gli uomini che le tenevano prigioniere. Una mia amica che abita a Stoccarda ha anche lei rivisto l'uomo che l'ha tenuta in cattività". Ashwaq si è rivolta alle autorità tedesche a cui ha denunciato l'accaduto, ma la polizia tedesca non è intervenuta perchè anche l'uomo che l'ha tenuta prigioniera si trova in Germania con lo status di rifugiato. "È uguale che cosa fai, in Germania nessuno si interessa di te. Mi hanno solo dato un numero a cui chiamare se l'uomo mi avesse importunata nuovamente. Dopo questo ho lasciato la Germania" spiega. Oggi Ashwaq è tornata in Kurdistan dove si trova suo padre, perchè si sente più sicura lì che in Germania. Nonostante l'accaduto la ragazza curda termina il video ringraziando i tedeschi e la Germania per l'ospitalità dimostrata nei suoi confronti. Il video dove Ashwaq racconta la sua vicenda, in tedesco, è disponibile qui.


(Fonte: www.basnews.com)

Guarda anche 

Per Angela Merkel, una volta adottato il Patto ONU per la migrazione "sarà valido per tutte le nazioni"

Rispondendo il 12 dicembre a una domanda del deputato AFD Martin Hebner al Bundestag Angela Merkel sostiene, che una volta adottato a New York il 19 dicembre prossimo il ...
14.12.2018
Mondo

I rifugiati che tornano al loro paese perderanno il diritto all'asilo, ma con delle eccezioni (che hanno fatto infuriare l'UDC)

I rifugiati che fanno ritorno nel loro paese dovrebbero perdere il diritto di asilo in Svizzera. Il parlamento ha sì deciso di stringere la vite, ma alla fine il C...
13.12.2018
Svizzera

“Rimpatriate pure mia moglie e le mie figlie"

Madre e due figlie, erano arrivate in Svizzera nell’ambito di un ricongiungimento familiare con il marito e padre, un cittadino dello Sri Lanka cui nel 2014 era sta...
12.12.2018
Svizzera

"Tassare i soldi inviati all'estero dagli asilanti"

Il consigliere nazionale leghista Lorenzo Quadri invita in un'interpellanza il Consiglio federale a considerare la possibilità di tassare il denaro inviat...
11.12.2018
Svizzera