Mondo, 14 agosto 2018

Scene di guerra in Svezia, macchine incendiate e scontri tra uomini mascherati e polizia (VIDEO)

Dozzine di macchine parcheggiate sono state incendiate durante la notte tra lunedì e martedì in diverse città svedesi in quello che le autorità ritengono potrebbero essere un atto di vandalismo coordinato. Non è chiaro se i perpetratori, descritti come giovani mascherati, siano stati presi.

In totale circa 80 veicoli sono stati vandalizzati lunedì sera, secondo la polizia svedese. Diverse immagini che circolano sui social media mostrano come le auto sono state date alle fiamme nei parcheggi di molte città, tra cui dozzine di incidenti a Göteborg, Trollhättan, Lysekil e Falkenberg.
 

 

Uomini mascherati vestiti di nero sono visibili in alcuni riprese video. Testimoni hanno riferito ai media locali di aver visto le persone mascherate lanciare molotov sui veicoli. Alcuni hanno anche lanciato pietre contro la polizia e hanno impedito ai vigili del fuoco di spegnere gli incendi.  




Incendi dolosi si sono verificati anche a Stoccolma e Uppsala dove sono state bruciate almeno 13 auto, secondo il giornale svedese Expressen. Secondo quanto riferito, fino a 60 giovani sono stati coinvolti negli attacchi, ma fino ad ora la polizia non ha segnalato arresti.

 

"Mentre la maggior parte degli incendi è iniziata in un breve periodo di tempo, non si può escludere che vi sia una connessione tra gli incendi, il caso verrà indagato", ha detto la polizia svedese in una dichiarazione, aggiungendo che gli attacchi saranno ulteriormente esaminati.

 

Tuttavia, il portavoce della polizia Fredrik Bratt ritiene che gli incendi nell'area di Stoccolma non siano collegati a quelli di Göteborg, definendoli "non del tutto fuori dall'ordinario".

 

I disordini sono avvenuti solo tre settimane prima delle elezioni generali svedesi, che si terranno il 9 settembre prossimo.



 

Guarda anche 

Chiamatelo “sua maestà” Zlatan: Ibrahimovic non si smentisce mai

STOCCOLMA (Svezia) – Che sia un tipo eccentrico, sopra le righe e molto autocelebrativo lo si sapeva già, che arrivasse addirittura a sostituirsi al re di Sv...
11.12.2018
Sport

"È tempo di far uscire il vichingo che c'è in noi", gli svedesi protestano contro il Patto ONU per la migrazione davanti al parlamento

Denominata da alcuni "la capitale dello stupro e del politicamente corretto" per i suoi numerosi casi di molestie sessuali commessi da migranti e poi messi a ta...
05.12.2018
Mondo

Gobbi: "La Francia un paese sull'orlo del precipizio ma che pensa ancora di dettare l'agenda europea"

Nella notte tra il 31 ottobre e il primo novembre sono avvenuti in Francia gravi disordini, vandalismi e scontri con la polizia che hanno portato all'arresto di centi...
03.11.2018
Mondo

Stefano Tonini: I soliti imbecilli non si vergognano mai?

Dopo aver visto le scritte sui muri della stazione di Mendrisio contro il direttore del dipartimento delle Istituzioni Norman Gobbi e contro la polizia penso solo a una c...
31.10.2018
Opinioni