Ticino, 10 agosto 2018

Quadri: "Il risveglio farlocco contro il PVP"

La Lega ed il Mattino da anni si oppongono al “Pirla Vai Piano”. Però secondo il triciclo PLR-PPD-PS erano tutte balle populiste. Intanto che si attendono gli illuminati pareri dei grandi scienziati del traffico (gli stessi che hanno ideato il PVP?) su possibili modifiche alla (non) viabilità di Lugano, si potrebbe cominciare a sperimentare qualche cambiamento, per vedere l’effetto che fa. Le proposte sul tavolo ci sono. Così vedremo subito se “sa po’ mia”, oppure…

La classica carenza estiva di notizie ha portato al risveglio mediatico sul flop del piano viario PVP. A dare il là, un’opinione al vetriolo pubblicata sul CdT dall’ex presidente della Camera di commercio Franco Ambrosetti.

Ohibò. Il Mattino da anni scrive che il Piano viario PVP  di Lugano è, come direbbe Fantozzi, una ca*ata pazzesca. Lo diceva anche il Nano. E questo fin dall'inizio. Adesso, perché a sparare ad alzo zero sul PVP è l’ex presidente PLR della Camera di commercio, risveglio improvviso e mobilitazione mediatica generale con interviste e servizi a go-go.
Ma come: il disastro del PVP non era tutta una balla populista? Non erano "solo percezioni"?

Le origini
Il PVP è un piano viario ideologico, concepito contro le automobili e contro gli automobilisti. E’ stato venduto come “indispensabile” a seguito dell’apertura del tunnel Vedeggio-Cassarate. Una balla solenne: la Lega lo disse subito. In realtà, l’apertura della galleria è servita da pretesto per buttare all’aria l’intera viabilità cittadina. E per farlo, ça va sans dire, nel segno dell’ideologia radical-chic e politicamente corretta. Quella contro le automobili e contro gli automobilisti. “In centro si arriva in bus!”, pontificavano negli incontri col Municipio i grandi scienziati del traffico.

Tra l’altro, è bene ricordarlo, il PVP ha fatto danni - e non da poco - anche al trasporto pubblico. Infatti, con la nuova viabilità, sono state cancellate parecchie corsie dei bus. E questi rimangono di conseguenza incolonnati assieme alle auto. Gli autisti dei mezzi pubblici possono riferire con dovizia di particolari su come la nuova (non) viabilità cittadina li abbia portati “sull’orlo di una crisi di nervi”.

Non solo: il PVP è pure responsabile dell’abbattimento di decine di alberi lungo la Via Ciani. Ma naturalmente  a quel proposito… citus mutus! Nessun ambientalista incatenato alle piante (diversamente da quanto accaduto in Viale Castagnola). Anzi: nemmeno un cip da parte dei rosso-verdi. Evidentemente, per questi compagni,  “bastonare” gli odiati automobilisti è un bene superiore (?) che giustifica una strage di alberi.

Un paio di cosette
Naturalmente il risveglio mediatico sul PVP ha portato all’esplosione delle prese di posizione di politicanti in fregola di visibilità. E allora è opportuno ricordare un paio di cosette.
Punto primo. Il PVP non l’ha certo voluto la Lega. L’ha voluto il solito triciclo PLR-PPD-PS. La Lega ed il Mattino si sono sempre opposti.

Punto secondo. Chissà come mai, si punta il dito (citazione da Ambrosetti) contro i “bramini dell’amministrazione pubblica” e contro il municipio (ovviamente perché a detenere la maggioranza relativa nell’Esecutivo è l’odiata Lega). Ci si dimentica però delle responsabilità di due attori fondamentali.

1) I grandi progettisti ed ingegneri del traffico che hanno ideato il PVP, incassando dei bei soldoni;
2) E soprattutto: il consiglio comunale, che a maggioranza ha votato allegramente tutte le realizzazioni connesse al Piano viario. Perché “in centro si arriva in bus”. E adesso si vedono i risultati di questa politica, sottoforma di desertificazione del centro medesimo (anche se, è ovvio, il PVP non è l’unico responsabile).

E fare delle prove?
Quanto ai mirabolanti studi annunciati sulle modifiche al PVP, un qualche dubbio “nasce spontaneo”, dal momento che fino ad adesso la posizione dei sommi scienziati del traffico davanti a qualsiasi ipotesi di cambiamento è sempre stata: “sa po’ mia!”. E ricordiamo che per modificare il senso di marcia in una viuzza del centro ci sono voluti svariati mesi e ci sono stati pure dei ricorsi.  A ciò si aggiunge il flop della famigerata perizia commissionata dal municipio al professor Axhausen del Politecnico di Zurigo, e dimostratasi del tutto inutile.

Nel mentre che si attendono gli illuminati ed illuminanti pareri specialistici, si potrebbe cominciare con lo sperimentare qualche semplice correttivo alla (non) viabilità attuale. Di proposte ce ne sono sul tavolo da tempo. Sono contenute anche in petizioni ed in atti parlamentari. Così si vedrà subito l’effetto che fa cambiare qualcosa: se è vero che “sa po’ mia” o se invece…

Lorenzo Quadri

Guarda anche 

Per Bertoli la scuola che verrà "verrà comunque", Quadri: "Stai sereno"

"La Scuola che verrà, non verrà adesso non verrà magari tutta insieme ma pezzetti ma verrà" sono le parole del Consigliere del Stato...
16.11.2018
Ticino

“Niente mi ripaga di più della vostra passione”: Geo Mantegazza ringrazia i tifosi bianconeri

LUGANO – È stata una serata toccante, entusiasmante, coronata da una vittoria (e da uno striscione forse fuori luogo), ma il G-Day resterà per sempre ...
16.11.2018
Sport

Carte prepagate ai migranti, l'ONU non vuole se ne parli

La notizia che migranti in viaggio verso l'Europa sono forniti di carte prepagate finanziate dal noto miliardario George Soros in collaborazione con MasterCard e l...
15.11.2018
Mondo

Andrea Censi - Pronzini attacca la meritocrazia? Naturale, se fosse applicata a lui…

Non bastava al deputato in Gran Consiglio dell`MPS rompere le scatole ad oltranza al Consiglio di Stato ed a tutti i cittadini (complici i media golosi di polemiche steri...
15.11.2018
Opinioni