Svizzera, 09 agosto 2018

I bus germanici “possono”, quelli per la Malpensa no?

La Leuthard (PPD) ed i suoi burocrati dell’UFT, nelle concessioni ai torpedoni utilizzano alla grande il sistema dei due pesi e delle due misure. Penalizzando i viaggiatori, le aziende di trasporto ed il turismo ticinese

Uella, i bus tedeschi della Flixbus, che da giugno sono autorizzati a coprire non solo tratte dalla Svizzera a varie città europee e viceversa, ma anche tratte interne alla Svizzera, hanno aumentato il fatturato del 40%. Costituiscono sempre più un’alternativa meno costosa alla ferrovia.

Apperò! A questi torpedoni teutonici  low cost, la Doris uregiatta ed i suoi burocrati dell'Ufficio federale dei trasporti (UFT) hanno accordato l’autorizzazione. Invece, con la fregnaccia del “non si può (sa po' mia!) fare concorrenza alla ferrovia" (è tornato Stalin?), vogliono cancellare il bus Lugano-Malpensa. 
Uella Doris, la libertà di concorrenziare le FFS vale solo per alcuni, oltretutto stranieri, mentre per altri (ticinesi) no?

Il colmo è che lo stop al collegamento su gomma con la Malpensa è stato decretato malgrado:

1) Non esista affatto – ma nemmeno lontanamente! - un’alternativa ferroviaria decente; 

2) Il Belpaese continui a procrastinare l'apertura delle tratte promesse (l'ultimo ritardo è stato annunciato un paio di settimane fa: la linea S50 Bellinzona-Lugano-Malpensa, invece che a fine 2018, entrerà in esercizio solo a metà 2019, e vedremo poi se lo farà); e 

3) Quanto a ritardi e disservizi sul nuovo trenino dei puffi Lugano-Varese, meglio stendere un velo, anzi un burqa pietoso.

Complimenti alla Doris ed ai burocrati dell'Ufficio federale dei trasporti: questa sì che è coerenza! Questa sì che è parità di trattamento!

Il piccione viaggiatore

Guarda anche 

Riecco Zeman: il boemo torna in panchina?

FOGGIA (Italia) – Dopo l’esperienza luganese, durante la quale aveva salvato i bianconeri al loro primo anno in Super League, disputando anche una finale di C...
10.12.2018
Sport

Dopo la lastra di marmo caduta, al LAC emergono nuovi difetti strutturali

A poco più di un mese dalla caduta di una delle lastre di marmo che compongono l'esterno del LAC di Lugano, emergono nuovi danni strutturali nell'edificio ...
10.12.2018
Ticino

Lugano, parla capitan Sabbatini: “Dobbiamo pedalare, questi errori toccano il fattore mentale”

LUGANO – È sembrato di assistere a un film già visto ieri pomeriggio a Cornaredo: il Lugano gioca, a tratti domina, si crea un’infinità d...
10.12.2018
Sport

Celestini: “I nostri sforzi non vengono premiati! Le ammonizioni? Non mi sento tutelato dagli arbitri”

LUGANO – Ancora un nulla di fatto, ancora un pareggio, ancora un 2-2 casalingo che ha mascherato una buona prestazione: il Lugano in questo momento, pur giocando be...
09.12.2018
Sport