Svizzera, 22 luglio 2018

Violazioni delle norme salariali, Ticino cantone più colpito

Le autorità svizzere infliggono ogni giorno in media sanzioni a 10 imprese per violazioni delle norme salariali. Lo riporta oggi la NZZ che ha ottenuto una lista delle sanzioni della SECO.

Negli ultimi 5 anni sono state 19'000 le sanzioni inflitte . Fra i cantoni più colpiti figura il canton Ticino con il 27% del totale, seguito da Zurigo e Berna.

Nell'elenco di chi ha violato le normi salariali, che fanno parte delle misure di accompagnamento all'accordo con l'Ue sulla libera circolazione delle persone, figurano in gran parte piccole imprese di una trentina di Paesi, ma anche grosse società come ABB, Lidl, Nokia, Bombardier o Bosch.
Oltre un terzo (il 37%) delle imprese fatte oggetto di sanzioni - si va dalle multe che possono raggiungere i 30mila franchi al divieto di offrire servizi, attualmente imposto a oltre 1'400 ditte - erano tedesche, seguite da italiane e svizzere.

Guarda anche 

Dalla foto-polemica con Macron al carcere per violenza e stupefacenti

Uno dei due giovani ripresi in una foto scattata alla fine di settembre con Emmanuel Macron a Orléans, è stato condannato ieri a otto mesi di carcere, quatt...
20.10.2018
Mondo

Frölunda-Lugano: ecco l’ottavo di finale di Champions Hockey League

LUGANO – Sarà un ottavo molto interessante e complicato quello che attende il Lugano in Champions Hockey League: i bianconeri sono infatti stati sorteggiati ...
19.10.2018
Sport

Gli USA di Trump spodestano la Svizzera nella classifica dei paesi più competitivi

Gli Stati Uniti sono il paese più competitivo e più innovativo del mondo, ha rivelato mercoledì una classifica compilata dal World Economic Forum (WE...
18.10.2018
Mondo

L'immigrazione aumenta nuovamente (nonostante l'entrata in vigore dell'iniziativa che doveva limitarla)

Da tre mesi circa è in vigore la legge che dovrebbe applicare l'iniziativa contro l'immigrazione di massa, accolta dalla popolazione svizzera il 9 febbraio...
17.10.2018
Svizzera