Mondo, 20 luglio 2018

"Il Consiglio dei diritti umani è il peggior fallimento dell'ONU"

L'ambasciatore degli Stati Uniti all'ONU Nikki Haley (nella foto) ha lanciato un altro attacco contro il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC) puntando il dito in particolare sulla presenza di Cina e Cuba tra i suoi membri.

 

Haley stava parlando al think tank della Heritage Foundation, spiegando le ragioni del ritiro statunitense dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite mercoledì. Ha individuato in Cuba, la Cina e il Venezuela come i paesi la cui presenza apparentemente appanna la credibilità del consiglio.

 

Indicando come problematici i requisiti per l'appartenenza al Consiglio e il suo presunto pregiudizio contro l'alleato degli Stati Uniti Israele, Haley ha detto che da quando è entrata in carica e fino ad adesso, “alcuni dei peggiori violatori di diritti umani ne fanno parte” citando le “dittature” di Cuba, Cina e Venezuela.

 

Ha preso di mira in modo particolare al Venezuela, criticando il consiglio per aver invitato il presidente del paese latinoamericano Nicolas Maduro, che lei ha definito un "dittatore", per un discorso nel 2015. Haley ha detto che non c'è da meravigliarsi che Maduro abbia ricevuto una standing ovation, dato che "il 62% dei membri del Consiglio non erano democrazie".

 

"[Il Consiglio per i diritti umani] ha focalizzato la sua attenzione ingiustamente e incessantemente su Israele e nel frattempo ignora la miseria, inflitta dai regimi in Venezuela, Cuba, Zimbabwe e Cina".

 

Ha poi riassunto la sua opinione sull'UNHRC definendolo "il più grande fallimento delle Nazioni Unite".

 

"A giudicare dal modo in cui ha disatteso i suoi obiettivi, il Consiglio dei diritti umani si è appropriato dell'idea della dignità umana... e l'ha ridotta ad un ennesimo strumento della politica internazionale", ha detto.

 

Gli Stati Uniti avevano formalmente annunciato la decisione di ritirarsi dall'UNHRC a giugno, criticando l'organismo internazionale come "protettore delle violazioni dei diritti umani e di un pozzo senza fondo di pregiudizi politici" per le sue critiche alle azioni di Israele nei confronti dei palestinesi. Il suo posto nel Consiglio è stato preso dall'Islanda in un voto a larga maggioranza a luglio.


(Fonte: rt.com)

Guarda anche 

Il Patto ONU per la migrazione spacca l’Europa, i sovranisti fanno tremare i governi

Il Patto ONU per la migrazione, anche chiamato Global Compact, continua a mietere vittime tra i governi europei. Mai come questa volta, l’approvazione o m...
23.12.2018
Mondo

Il Consiglio federale non vuole che il popolo si esprima sul Patto ONU per la migrazione

Il Consiglio federale ha deciso venerdì di presentare al Parlamento il patto per la migrazione delle Nazioni Unite. Tuttavia, non vuole che il testo venga sottopos...
17.12.2018
Svizzera

Per Angela Merkel, una volta adottato il Patto ONU per la migrazione "sarà valido per tutte le nazioni"

Rispondendo il 12 dicembre a una domanda del deputato AFD Martin Hebner al Bundestag Angela Merkel sostiene, che una volta adottato a New York il 19 dicembre prossimo il ...
14.12.2018
Mondo

Patto ONU, arriva l'avvertimento di Trump

Con il Global Compact on Migration, detto anche Patto per la migrazione, le Nazioni Unite vogliono "far progredire la governance globale a spese del diritto sovrano ...
11.12.2018
Mondo