Svizzera, 12 luglio 2018

Martullo-Blocher chiede misure punitive all'UE

La consigliera nazionale dell'UDC Magdalena Martullo-Blocher sostiene che la Svizzera dovrebbe minacciare sanzioni contro l'Unione europea (UE). Secondo lei, il paese deve mostrasi più forte nei confronti dell'UE.

"Organizziamo e finanziamo il trasporto sull'asse nord-sud per l'Europa", afferma Martullo-Blocher in un'intervista pubblicata oggi dalla Neue Zürcher Zeitung. Propone quindi di non "più sovvenzionare" il traffico di transito. "I trasporti in tutta la Svizzera sarebbero di conseguenza molto più costosi per l'UE", afferma.

La Svizzera deve riflettere, continua, a misure difensive, che pongano la Svizzera in una posizione di forza e l'UE in una posizione di dipendenza. Cita in particolare le strette relazioni economiche con l'UE e il fatto che molti cittadini UE risiedano e lavorino in Svizzera.


Misure di questo tipo hanno permesso alla Svizzera di reintegrare il programma di ricerca europeo "Orizzonte 2020", afferma la vicepresidente dell'UDC. "Dopo l'esclusione della Svizzera, l'UE si è rapidamente resa conto che non era più in grado di attuare i suoi programmi più performanti" e l'ha reintrodotta provvisoriamente.

La figlia dell'ex consigliere federale Christoph Blocher attacca poi i radicali liberali: "Il PLR è pronto a sacrificare tutto pur di soddisfare le richieste proveniente dall'estero: ripresa di regolamentazione, abbandono dell'autodeterminazione e, ora, a rinunciarealle  misure di accompagnamento »."Il contributo del PLR l'economia è generalmente sopravvalutata", ha inoltre affermato.

Anche il presidente del PLR, Petra Gössi, che ha descritto l'UDC come partito isolazionista, viene criticata: "Siamo ancora a favore del libero commercio e delle relazioni internazionali", afferma Martullo-Blocher.

Guarda anche 

"Tassare i soldi inviati all'estero dagli asilanti"

Il consigliere nazionale leghista Lorenzo Quadri invita in un'interpellanza il Consiglio federale a considerare la possibilità di tassare il denaro inviat...
11.12.2018
Svizzera

Cambio dipartimenti in Consiglio federale, “Sommaruga ai trasporti un disastro”

Com'era preannunciato vi saranno diversi cambiamenti dei Dipartimenti in Consiglio federale. L'UDC Guy Parmelin lascia la difesa, della protezione della popolazio...
10.12.2018
Svizzera

Accordo quadro: come al solito, chinati a 90 gradi!

Altro che “negoziazione”, è una capitolazione su tutta la linea. Ma il governicchio federale non ha il coraggio né di respingere l’immonda...
10.12.2018
Svizzera

Migliaia di inglesi manifestano a Londra per sostenere l'uscita dall'UE (a due giorni dal voto cruciale sull'accordo di Theresa May)

Migliaia di inglesi sono scesi in strada domenica per protestare contro l'accordo raggiunto dalla premier Theresa May con l'Unione europea e sostenere la causa de...
10.12.2018
Mondo