Mondo, 12 luglio 2018

Germania, Austria e Italia all'unisono: "Un'asse per fermare gli sbarchi"

Qualcuno l'ha già definitito "l'asse dei volenterosi per fermare gli sbarchi" degli immigrati in Europa.

 

E può essere il punto di partenza per una futura collaborazione tra Germania, Austria e Italia. "Le cose sono relativamente semplici - afferma il ministro dell'Interno austriaco, Herbert Kickl, dopo il trilaterale con l'omologo italiano, Matteo Salvini, e il tedesco Horst Seehofer - noi tre siamo d'accordo sul fatto che vogliamo mettere ordine" e "mandare il chiaro messaggio che in futuro non dovrebbe essere possibile calpestare il suolo europeo se non si ha il diritto alla protezione".

Il 19 luglio si incontreremo di nuovo, a Vienna, per mettere a punto meglio le misure per contrastare l'immigrazione clandestina. 

 

"Nell'ambito dell'Unione europea vediamo che si è mosso qualcosa", dichiara Seehofer dopo il trilaterale con Salvini e Kickl. Anche il suo omologo italiano ostenta ottimismo assicurando che "finalmente in Europa si sia cominciato a lavorare seriamente sulla materia delle migrazioni".

 

A Innsbruck si è fatto portavoce del piano condiviso prima di partire con il premier Giuseppe Conte. "Limitare le partenze, sostenere la Libia e dare a Tripoli il diritto ai rimpatri e la ridistribuzione delle quote degli arrivi - spiega - contiamo che l'Italia sia sostenuta nell'accoglienza, nella gestione degli arrivi e dei rimpatri". Lo spirito del patto, più volte ripetuto durante il vertice, è semplice: meno migranti, meno sbarchi e meno morti. "Le proposte italiane su migranti diventano proposte europee - spiega Salvini in conferenza stampa - contiamo che finalmente l'Europa torni a difendere i confini e il diritto e alla sicurezza dei 500 milioni di europei".

 

"Le soluzioni europee devono portarci al successo - mette in chiaro Seehofer - dobbiamo essere forti e proteggere i confini europee, ma essere anche umanitari". L'idea dei tre "volenterosi" è creare centri di prima accoglienza (e di rimpatrio) fuori dai confini esterni dell'unione europea. "Se si riducono gli arrivi - fa notare Salvini - si risolvono anche i problemi minori interni tra le nazioni". Solo un "intervento unitario" può, infatti, spegnere "iniziative nazionali" dei vari Paesi europei interessati a contrastare l'immigrazione clandestina.


(Fonte: ilgiornale.it)


Guarda anche 

Cresce la pressione su Macron: il caso Benalla lo fa traballare

A infastidire i sogni notturni del presidente francese c'è infatti il caso Benalla, il collaboratore (nella foto a sinistra di Macron) registrato in un...
23.07.2018
Mondo

Il Lugano non stecca la prima, battuto il Sion

Comincia decisamente con il piede giusto il campionato del Lugano. La squadra diretta da Abascal ha infatti sconfitto per 2 a 1 il Sion in trasferta al Tourbillon. In van...
22.07.2018
Sport

Violazioni delle norme salariali, Ticino cantone più colpito

Le autorità svizzere infliggono ogni giorno in media sanzioni a 10 imprese per violazioni delle norme salariali. Lo riporta oggi la NZZ che ha ottenuto una lista d...
22.07.2018
Svizzera

Il governo italiano non finanzia più l'accoglienza dei migranti, alle cooperative mancano 500 milioni di euro

Tensioni frequenti, da Milano a Roma. Nei centri di accoglienza gestiti da associazioni e cooperative i migranti sempre più spesso protestano per i ritardi nel pag...
22.07.2018
Mondo