Mondo, 28 giugno 2018

Aquarius, "vestiti dei migranti buttati per evitare epidemie"

Ha decisamente fatto discutere l'articolo del portale spagnolo CasoAislado, diventando presto virale sui social network in Spagna, allo stesso modo del nostro articolo che riprendeva quello del sito spagnolo. Anche diverse testate spagnole hanno ripreso la vicenda, che si è nel frattempo arrichita di diversi dettagli, tra conferme e presunte smentite. La Croce rossa spagnola, a cui appartiene il materiale nei cassonetti che si può vedere nella foto, interpellata dalla testata El Diario sostiene che il materiale è stato scartato non perchè i migranti non ne avessero bisogno o per banale disinteresse, ma per un motivo molto più serio: i vestiti potrebbero essere infetti da malattie contagiose contratte dai migranti e vanno quindi eliminati. Diversi utenti hanno espresso scetticismo sul fatto che un quantitativo tanto grande sia stato eliminato, senza contare che oltre ai vestiti della croce rossa per lo stesso motivo saranno stati eliminati i vestiti con cui i migranti sono giunti in Spagna (in tutto almeno 1260 capi, due per ognuno 630 migranti a bordo della nave). Altri si sono chiesti se è normale buttare materiale potenzialmente contagioso in cassonetti apparentemente accessibili al pubblico, come fanno pensare le foto scattate. La croce rossa assicura che i cassonetti sarebbero stati tenuti in un perimetro recintato e controllato per un'ora soltanto, ma nelle due foto disponibili non si vede nessun recinto - se mai un singolo blocco di cemento facilmente aggirabile - nè qualcuno che si assicuri che nessuno si avvicini al materialmente potenzialmente contagioso. D'altro canto qualcuno che si è introdotto nel perimetro e ha potuto far partire la polemica scattando le foto evidentemente c'è stato.

Se quindi permangono dubbi su questa vicenda nonostante le dichiarazioni della croce rossa, il secondo episodio riportato da CasoAislado, riguardante dei migranti minorenni che si sarebbero recati in un ristorante di Alicante a bere alcoli pagando con banconote da 100 euro, viene sostanzialmente confermata. Interrogata da El Pais la responsabile della struttura in cui alloggiano i migranti minorenni conferma la "fuga" di 28 migranti la prima sera in cui sono giunti in Spagna, e che sarebbero stati rintracciati solo all'alba. Se abbiano davvero bevuto alcolici e pagato con banconote da 100 euro - CasoAislado riferisce di una cameriera di un ristorante a cui i giovani migranti avrebbero pagato dei "shot" di whisky, versione corroborata da un altro testimone - non è stato possibile verificarlo ma risulta difficile credere che CasoAislado abbia inventato l'episodio di sana pianta riuscendo però ad indovinare la sera in cui i migranti si erano allontani dalla struttura in cui alloggiavano.

Guarda anche 

Cresce la pressione su Macron: il caso Benalla lo fa traballare

A infastidire i sogni notturni del presidente francese c'è infatti il caso Benalla, il collaboratore (nella foto a sinistra di Macron) registrato in un...
23.07.2018
Mondo

Il Lugano non stecca la prima, battuto il Sion

Comincia decisamente con il piede giusto il campionato del Lugano. La squadra diretta da Abascal ha infatti sconfitto per 2 a 1 il Sion in trasferta al Tourbillon. In van...
22.07.2018
Sport

Violazioni delle norme salariali, Ticino cantone più colpito

Le autorità svizzere infliggono ogni giorno in media sanzioni a 10 imprese per violazioni delle norme salariali. Lo riporta oggi la NZZ che ha ottenuto una lista d...
22.07.2018
Svizzera

Il governo italiano non finanzia più l'accoglienza dei migranti, alle cooperative mancano 500 milioni di euro

Tensioni frequenti, da Milano a Roma. Nei centri di accoglienza gestiti da associazioni e cooperative i migranti sempre più spesso protestano per i ritardi nel pag...
22.07.2018
Mondo