Mondo, 24 giugno 2018

Il festival musicale più grande della Svezia costretto a chiudere a causa di aggressioni sessuali da parte di migranti

Il festival Bravalla è il festival musicale più grande e conosciuto della Svezia. Dopo essere finito tra le polemiche l'anno scorso, gli organizzatori hanno annunciato che l'evento finirà dopo essere stato cancellato quest'anno a causa delle molteplici aggressioni a sfondo sessuale avvenute durante l'ultima edizione, riferisce il quotidiano svedese Norrköpings Tidningar.

L'edizione dello scorso anno ha visto almeno 11 aggressioni, delle quali solo tre hanno portato ad arresti mentre l'anno prima erano state quasi 40 ragazze ad essersi lamentate di essere state molestate sessualmente e abusate da uomini il più delle volte descritti come "stranieri".

Alexandra Larsson, una vittima di 17 anni, aveva descritto i suoi aggressori dicendo: "Probabilmente erano immigrati. Odio dirlo. Ma è la verità."

La responsabile delle relazioni pubbliche per le organizzazioni, Kajsa Apelqvist, ha dichiarato: "È una decisione molto deludente, ma il quadro generale che abbiamo è che non possiamo sviluppare il festival nel modo in cui vogliamo essere rilevanti per i nostri visitatori in futuro."

Gli organizzatori hanno cercato di garantire la sicurezza dei visitatori, tuttavia, non vedono la possibilità per il festival di continuare in futuro e garantire al contempo la sicurezza dei frequentatori del festival e hanno quindi deciso di mettere la parola fine al "Bravalla".


Guarda anche 

Richiedente l'asilo uccide connazionale e ne ferisce un altro, 17 anni di prigione

I fatti risalgono al 2016,  un richiedente esce dal centro in cui risiede a Aarau assieme ad altri "ospiti" per fumare una sigaretta. Quando fa rientro nel...
15.11.2018
Svizzera

Ancona, 22enne segregata e stuprata per mesi

Rinchiusa e seviziata per mesi da una banda di nigeriani. È successo a Ancona, città italiana nelle Marche, a una 22enne italiana liberata lo scorso 6 novem...
11.11.2018
Mondo

Richiedenti l'asilo di un singolo centro d'accoglienza responsabili di 1265 crimini in nove mesi

Su richiesta di André Wendt, un membro del parlamento sassone nelle fila del partito AFD, il ministro dell'interno di Sassonia Roland Wöller della CDU, ha...
08.11.2018
Mondo

Picchia moglie e la figlia neonata perchè voleva un maschio, condannato e espulso

Un cittadino afgano di 30 anni è stato condannato a 3 anni e 8 mesi di carcere per una serie di reati, tra i quali quello di violenza domestica per aver picchiato ...
07.11.2018
Mondo