Mondo, 19 giugno 2018

Aquarius, per far posto ai migranti fanno sloggiare gli studenti

Con l'arrivo in Spagna di centinaia di migranti domenica scorsa le autorità spagnole hanno intimato a degli studenti locali di lasciare la residenza in cui abitano per far posto ai nuovi arrivati.

Centinaia di migranti sono arrivati domenica scorsa con Aquarius, la nave di una ONG tedesca finita al centro dell'attenzione mediatica dopo che l'Italia le aveva rifiutato di attraccare in un porto italiano.
 
Diversi studenti della residenza studentesca locale sono ora costretti a lasciare le loro case, nonostante abbiano già pagato le spese di alloggio, in modo che i migranti che arrivano dalla Libia possano essere ospitati, riferisce il quotidiano spagnolo Actualidad Valdepeñas.
 
Ruben, un giovane studente di lingua tedesca ad Alicante, che in futuro ha intenzione di vivere e lavorare in Germania, ha pagato 750 € al mese per la sua stanza, è uno degli studenti costretto a lasciare a lasciare la sua abitazione.
 
Sua madre ha detto che Ruben ha dovuto lasciare la residenza per fare spazio ai migranti dell'Acquario: "Ci hanno detto che non possono rimanere lì perché i migranti arrivano con molte malattie".
 
"È come se per risolvere un problema ne causiamo altri, e questo per noi è un grosso problema perché al momento non c'è nessun luogo ad Alicante dove mio figlio possa vivere e continuare i suoi studi. Andremo lì per vedere se riusciamo a trovare qualcosa, ma sarà molto difficile dato che tutto è già prenotato per i mesi estivi ", spiega.
 
La madre di Ruben non crede che ciò possa essere dovuto a un "problema di salute", altrimenti le autorità locali non avrebbero certamente ospitato centinaia di migranti malati nel centro di una città turistica come Alicante.
 
Sabato 16 giugno, le autorità hanno annunciato che Ruben e gli altri studenti, in tutto circa un centinaio, avevano solo 24 ore per recuperare le loro cose e lasciare la residenza.

Guarda anche 

Cresce la pressione su Macron: il caso Benalla lo fa traballare

A infastidire i sogni notturni del presidente francese c'è infatti il caso Benalla, il collaboratore (nella foto a sinistra di Macron) registrato in un...
23.07.2018
Mondo

Il Lugano non stecca la prima, battuto il Sion

Comincia decisamente con il piede giusto il campionato del Lugano. La squadra diretta da Abascal ha infatti sconfitto per 2 a 1 il Sion in trasferta al Tourbillon. In van...
22.07.2018
Sport

Violazioni delle norme salariali, Ticino cantone più colpito

Le autorità svizzere infliggono ogni giorno in media sanzioni a 10 imprese per violazioni delle norme salariali. Lo riporta oggi la NZZ che ha ottenuto una lista d...
22.07.2018
Svizzera

Il governo italiano non finanzia più l'accoglienza dei migranti, alle cooperative mancano 500 milioni di euro

Tensioni frequenti, da Milano a Roma. Nei centri di accoglienza gestiti da associazioni e cooperative i migranti sempre più spesso protestano per i ritardi nel pag...
22.07.2018
Mondo