Sport, 17 giugno 2018

Chapuisat: “Sogno che la Svizzera elimini la Germania”

L'ex attaccante della Nazionale ha parlato a poche ore dall'esordio della squadra di Petkovic contro il Brasile

ROSTOV (Russia) – Mancano poche ore al calcio d’inizio di Brasile-Svizzera, match d’esordio della nostra Nazionale al Mondiale russo. Sulle pagine di “Tuttomercatoweb.com”, è intervenuto Stephane Chapuisat, uno dei giocatori elvetici più decisivi della storia della Svizzera, protagonista del ritorno al Mondiale della Nazionale nel 1994.

Stephane Chapuisat, che Svizzera ci dobbiamo aspettare in questi Mondiali?
Penso che il vero Mondiale inizi con la seconda partita, contro la Serbia, dove già ci giocheremo molto. L'esordio del resto è col Brasile, squadra fra le favorite per la vittoria finale. Tolti i verdeoro tutto è possibile ma saremo in condizioni di dentro-fuori sin da subito a seguito del calendario.

C'è qualcosa dei rossocrociati che teme maggiormente?
La squadra segna poco, gli attaccanti non sono molto prolifici e questo può essere un problema.

In rosa ci sono molti giovani
Questo dimostra la futuribilità della squadra. Sta crescendo una generazione di giocatori importanti anche per le successive edizioni di Europei e Mondiali. Quelli che ci sono attualmente sono ben organizzati, già pronti.

Le piace Petkovic?
Ha fatto un buon lavoro. È un allenatore esperto che conosce bene il calcio svizzero e i risultati parlano per lui.

Chi è la stella di questa Svizzera?
Granit Xhaka. Sarà il giocatore chiave di questa selezione.

Dove può arrivare la Svizzera?
Considerando il Brasile nel nostro girone mi auguro che il secondo posto sia nostro. A questo punto agli ottavi di finale ci dovrebbe capitare la Germania e allora lì mi auguro un nostro exploit.

Guarda anche 

Per la giustizia UE le misure di accompagnamento sono illegali

Una decisione della Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE) relativa all'Austria potrebbe avere serie ripercussioni sulle possibilità di un accordo i...
15.11.2018
Svizzera

Da 30 anni in Svizzera, non ha lavorato un giorno

Di nazionalità algerina, Mehdi (nome di fantasia) risiede in Svizzera, a Bulle nel canton Friborgo, da 30 anni. Arrivato come clandestino riesce a rimanere sul ter...
15.11.2018
Svizzera

Fischi e poco pubblico: Cornaredo ha condizionato la Svizzera? “È stata una partita diversa da quelle che di solito giochiamo”

LUGANO – Dopo 62’ vissuti in panchina, a sostenere i suoi compagni da bordo campo, è stato gettato nella mischia da Vladimir Petkovic per cercare di da...
15.11.2018
Sport

L’esordio in maglia rossocrociata e il ko col Qatar. Benito si racconta: “Ci è mancata un po’ di fiducia”

LUGANO – Facce tese, volti tirati, espressioni deluse e arrabbiate: così apparivano questa sera i ragazzi di Petkovic al termine dell’amichevole di Cor...
15.11.2018
Sport