Sport, 05 giugno 2018

Balotelli: "È brutto avere la cittadinanza solo a 18 anni, da giovane ho vissuto anni difficili"

Mario Balotelli
TORINO – Ha spesso fatto parlare di sé per i suoi atteggiamenti dentro e fuori dal campo, spesso fuori dalle regole, quasi sempre eccentrici. È stato spesso preso di mira dai “tifosi” delle squadre avversarie, o anche della sua stessa Nazionale, non solo per i suoi atteggiamenti ma anche per il colore della sua pelle – lo striscione comparso settimana scorsa a San Gallo durante l’amichevole giocata dall’Italia contro l’Arabia Saudita ne è una dimostrazione – ma questa volta Mario Balotelli ha parlato non esattamente di calcio, ma di cittadinanza, di leggi e di Ius soli.

“Si parla tanto di immigrazione, io sono nato in Italia, cresciuto in Italia e mai stato in Africa, purtroppo – ha spiegato – È brutto avere la cittadinanza solo a 18 anni, da giovane per me sono stati gli anni più difficili. Io però non sono un politico, non è il mio campo, e per me è difficile lanciare un appello in Italia. Ma in questi casi penso che la legge debba essere cambiata: mi sento di lanciare un appello per questo”.

Balotelli ha raccontato la sua sofferenza vissuta da ragazzo durante la presentazione del ibro “Demoni”: “Quando ero piccolo la vivevo diversamente, perché era tutto più pesante, c’erano cose che non capivo: ora le so e provo a trovare un modo per cambiarle, ma non è facile. Nella mia vita ci stato stati tanti razzisti, ma anche tanta ignoranza e paura della diversità, ma si può cambiare piano piano”, ha sottolineato.

“Visto che ce l’avevano con me, pensavo che avessi qualcosa: prendevo il tutto come un punto di forza. Penso che per la nuova società siano importanti i bambini, io sono diventato padre nuovamente poco fa: bisogna crescerli in un determinato modo con certe idee, anche se alla fine sono gli adulti a creare i problemi. Io ho avuto la fortuna di avere genitori che mi sono stati vicini e mi hanno fatto capire le cose: ora che sono famoso mi sento che devo dare un esempio, specialmente ora che sono maturato”, ha chiosato.

Guarda anche 

“L’omosessualità nel calcio? Fare coming out è difficile”. Parola di Giroud

PARIGI (Francia) – È da sempre un tema complicato, difficile da trattare e da affrontare da parte dei calciatori, forse impauriti da cosa potrebbero pensare ...
16.11.2018
Sport

Wanda Nara rincara la dose: dopo la foto piccante ecco il commento…

MILANO (Italia) – Torna a “colpire” Wanda Nara con una nuova foto pubblicata sul proprio account di Instagram. Un selfie che ritrae la compagna di Mauro...
16.11.2018
Magazine

Il bello di giocare contro Messi? “Lo riempi di calci e lui…”

MADRID (Spagna) – È tempo di nazionali, è tempo di Nations League e di amichevoli, ma c’è già chi si proietta al weekend successiv...
16.11.2018
Sport

Fischi e poco pubblico: Cornaredo ha condizionato la Svizzera? “È stata una partita diversa da quelle che di solito giochiamo”

LUGANO – Dopo 62’ vissuti in panchina, a sostenere i suoi compagni da bordo campo, è stato gettato nella mischia da Vladimir Petkovic per cercare di da...
15.11.2018
Sport