Mondo, 23 maggio 2018

Zuckerberg sulla graticola davanti al parlamento europeo: "Perchè censurate pagine di destra?"

Sul fronte della censura è di questi ultimi giorni la notizia di una nuova ondata di soppressione di pagine facebook anti-immigrazione. Tra le quali, in Francia, quella di Generation Identitaire.

Mark Zuckerberg
L’amministratore delegato di Facebook Mark Zuckerberg si è presentato ieri davanti il Parlamento Europeo in relazione al caso di Cambridge Analytica ma ha fornito solo risposte vaghe a domande sulla privacy e sulla politica dei dati del gigante dei social media.
Nelle sue osservazioni di apertura ai leader dei partiti politici del Parlamento europeo, Zuckerberg ha affermato che è chiaro che Facebook deve fare di più per proteggere i suoi utenti da coloro che intendono utilizzare i loro dati in modo maligno.

“Che si tratti di notizie false, di interferenze straniere nelle elezioni o di sviluppatori che fanno cattivo uso delle informazioni della gente, non abbiamo preso una visione sufficientemente ampia delle nostre responsabilità: è stato un errore e mi dispiace”, ha affermato.

L’eurodeputato Nigel Farage del Regno Unito ha fatto domande su ciò che ha detto è stata la limitazione di Facebook di opinioni di destra, spingendo Zuckerberg a promettere che il servizio non discriminerà sulla base delle opinioni politiche in termini molto più forti di quanto non abbia fatto il mese scorso davanti al Congresso degli Stati Uniti.

La più grande frustrazione dei parlamentari europei era il formato delle domande. Gli eurodeputati hanno speso più di due terzi dei 90 minuti dell’incontro con Zuckerberg su tutto, dal terrorismo alle notizie false fino al bullismo online, permettendo al CEO di Facebook di farla franca offrendo solo risposte vaghe.

“Le ho chiesto sei domande” sì e no “ma non ho avuto una risposta unica”, ha detto l’eurodeputato belga Philippe Lamberts. “Ha voluto questo formato, beh, per una ragione.”

Verso la fine dell’incontro, i parlamentari arrabbiati hanno iniziato a gridare le loro domande senza ricevere risposta – incluso se Facebook si impegnasse a separare i suoi dati da WhatsApp, e se Zuckerberg promettesse di consentire agli utenti di rinunciare alla pubblicità mirata.

Zuckerberg si è rifiutato di rispondere a molte domande – promettendo invece di rispondere per iscritto. Anche Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, ha rassicurato i deputati che le loro domande sarebbero state adeguatamente trattate.

“Sfortunatamente il formato delle domande ha permesso al signor Zuckerberg di scegliere a chi rispondere e di non rispondere a ogni singolo punto”, ha affermato Damian Collins, che presiede il comitato per la cultura, i media e lo sport del parlamento britannico.

La dichiarazione di rimpianto di Zuckerberg ha fatto eco a una simile scusa che ha fatto il mese scorso ai legislatori statunitensi. La sua visita a Bruxelles arriva tre giorni prima che entrino in vigore le nuove e severe regole dell’UE sulla protezione dei dati. Le aziende saranno soggette a multe salate nel caso vengano violate.

Sul fronte della censura è di questi ultimi giorni la notizia di una nuova ondata di soppressione di pagine facebook anti-immigrazione. Tra le quali, in Francia, quella di Generation Identitaire.

Alcuni europarlamentari hanno approfittato dell’occasione per chiedere conto a Zuckerberg della censura operata, in modo unilaterale, dal social network che, ormai, opera in condizione di quasi monopolio.

Oltre a Farage, anche il francese Nicolas Bay ha interrogato Zuckerberg sulla politica di censura operata da Facebook. L’ultima domanda è la più importante: “State utilizzando la scusa delle fake news per censurare la libertà di espressione?” Perché lo scandalo vero non è quello dei dati, tutti hanno sempre saputo che Facebook raccoglie i dati degli utenti, ma la manipolazione dell’opinione pubblica attraverso la selezione di notizie che possono o non possono circolare.

(Fonte: rt.com/vox.com, foto: rt.com)

Guarda anche 

Cresce la pressione su Macron: il caso Benalla lo fa traballare

A infastidire i sogni notturni del presidente francese c'è infatti il caso Benalla, il collaboratore (nella foto a sinistra di Macron) registrato in un...
23.07.2018
Mondo

Il governo italiano non finanzia più l'accoglienza dei migranti, alle cooperative mancano 500 milioni di euro

Tensioni frequenti, da Milano a Roma. Nei centri di accoglienza gestiti da associazioni e cooperative i migranti sempre più spesso protestano per i ritardi nel pag...
22.07.2018
Mondo

I personaggi del passato diventano "razzisti" e "colonialisti" e vengono rimossi dagli spazi pubblici

«Razzista» e cantore del colonialismo imperiale britannico. È senz’appello la `sentenza´ emessa contro Rudyard Kipling a oltre un secolo...
21.07.2018
Mondo

"Il Consiglio dei diritti umani è il peggior fallimento dell'ONU"

L'ambasciatore degli Stati Uniti all'ONU Nikki Haley (nella foto) ha lanciato un altro attacco contro il Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite (UNHRC...
20.07.2018
Mondo