Banca Stato in aiuto degli uffici di cambio?

Banca Stato in aiuto degli uffici di cambio?


News | 4 gennaio 2013 - 15:18 | 0 Commenti

Il futuro degli uffici di cambio in Canton Ticino è seriamente compromesso e con essi anche i posti di lavoro ad essi collegati. Con la fine dell’anno, la banca privata Notenstein (ex Wegelin) ha deciso infatti di terminare l’attività di compravendita di contante. La banca era l’unico fornitore dei cambiavalute di tutto il cantone.

La mancanza di un fornitore causerebbe diversi tipi di problemi e comprometterebbe molti posti di lavoro. I rischi, inoltre, non sarebbero legati unicamente agli uffici cambi ma creerebbero fastidi anche a numerose fiduciarie che operano nel settore della compravendita di valuta ma soprattutto a tutte le persone che giornalmente si rivolgono agli uffici di cambio (tra cui negozi, stazioni di benzina, ecc..) e che d’ora in avanti si dovrebbero rivolgere alla propria banca per poter effettuare il cambio.

Se Banca Stato non si muoverà pertanto a sostituire la Notenstein nella fornitura dei cambiavalute saranno messi a rischio circa 240 uffici cambi per un totale di circa 500 posti di lavoro!! Una situazione inaccettabile in un momento difficile come quello che stiamo vivendo oggi. È chiaro il messaggio?

Giuliano Bignasca

 

0

Tag