Aperta la caccia all’Orso: Lugano, 3 motivi per crederci

Aperta la caccia all’Orso: Lugano, 3 motivi per crederci

Berna-Lugano e Zugo-Davos: ecco le semifinali dei playoff 2016/2017. Nulla di clamoroso: queste squadre fanno parte da anni dell’elite nazionale e la loro presenza è assolutamente normale a questo stadio della competizione. Ma a ben guardare all’appuntamento manca la squadra più “bella” del reame, lo Zurigo di Hans Wallson, da tutti indicata come principale antagonista degli Orsi campioni svizzeri.

E allora non si può non parlare del grande exploit compiuto dai bianconeri, che in una serie serrata e assai difficile hanno saputo eliminare proprio gli strafavoriti Lions. Che, ricordiamolo, per il secondo anno consecutivo “lasciano”, inconsolabili, ai quarti di finale. Sulle rive della Limmat è tempo di processi e la posizione del DS Salis e del coach svedese è tutt’altro che sicura. A Trachsler non è stato rinnovato il contratto…

Un gruppo prima di tutto
Torniamo al Lugano: se si trova in semifinale per il secondo anno consecutivo, il merito principale è senza dubbio del tecnico Greg Ireland, che a gennaio ha sostituito Doug Shedden ormai inviso al club e senza dubbio responsabile di una situazione sportiva diventata inaccettabile (i playoff erano a rischio). Ireland, senza strafare ma adottando modi e metodi semplici ma efficaci, ha saputo trasformare la squadra. Peggior difesa del campionato, ora il Lugano ha un sistema difensivo che gli permette di reggere l’urto anche di autentiche corazzate come lo Zurigo. Spesso stanchi e spremuti per l’eccessivo impiego di giocatori che vanno per la maggiore da parte di Shedden, i bianconeri adesso appaiono più freschi perchè il nuovo tecnico distribuisce le forze su quattro blocchi e fa rotare i giocatori con più intelligenza. Dimenticati spesso e volentieri, i giovani sono infine diventati protagonisti, ad immagine di Ronchetti, Sartori, Romanenghi e naturalmente di quel Luca Fazzini che ha portato la squadra a suon di gol nei playoff. Insomma: ora l’HCL è una squadra.

1 of 3